Prato: il corso di teatro al limite della cazzata

Un corso di teatro un po' particolare, provocatoriamente chiamato "Corso di teatro al limite della cazzata".

0
Condividi

“Corso di teatro al limite della cazzata” è il corso di teatro che Pasquale Scalzi (smovimento e disuso del corpo) e Riccardo Goretti (drammaturgia e nonrecitazione) tengono da tre anni a questa parte negli spazi dell’associazione culturale “Zappa!” in via Carradori 12. Un corso di teatro in cui “ci piace più fare che dire – spiega Pasquale Scalzi – e che ha come caratteristiche distintive le improvvisazioni e la leggerezza”.

Il prossimo 26 ottobre comincerà (ore 21) la nuova stagione con una prova aperta a tutti e una grossa novità. “Giulia Aiazzi sarà il terzo insegnante del corso – annuncia infatti Pasquale Scalzi – e metterà al servizio del corso l’esperienza maturata negli ultimi anni con il teatro a tematiche sociali”.

Il corso si rivolge a persone di ogni età e competenza e si svolge il lunedì e il mercoledì dalle 21 alle 23. Info: Pasquale 3285636668 // labzappa@gmail.com

Ma se in fondo in fondo non credete molto all’utilità di un corso di teatro, allora forse dovete leggere il decalogo con il quale i titolari del “Corso di teatro al limite della cazzata” motivano gli indecisi. Eccolo.

1. I corsi di teatro dovrebbero essere più rock and roll: poche chiacchiere, poca teoria, molta azione.

2. I docenti in questione sono uguali e contrari, complementari nella formazione e totalitari nella realizzazione.

3. Il teatro non è noioso, perdio. La noia è noiosa! Possibile non si riesca a capire la differenza?

4. I corsi di teatro dovrebbero formare persone, non attori.

5. I corsi di persone dovrebbero formare teatro, non attori.

6. Il teatro non è bello se non è litigarello. (perdonate la scurrilità).

7. Ci saranno molti ospiti esterni alle lezioni: la formazione prevede pluralità, NON idolatria.

8. La vita è cattiva e il teatro anche.

9. Non desiderare la roba d’altri.

10. Anche tu, sì tu, dovresti provarci.