La farina di castagne della Val Bisenzio

Un viaggio attraverso il mondo delle cannicciaie, tradizioni e mulini a pietra che fanno nascere la farina di castagne.

0
Condividi

Prima si raccolgono le castagne, poi si mettono nella cannicciaia e ci si lascia acceso il fuoco sotto per una trentina di giorni. Ogni giorno, a turno, si passa per tre o quattro volte a controllare che il fuoco sia ancora acceso. Non deve essere troppo forte, deve cavare fuori l’acqua per seccare, non cuocere. Deve essere fatto rigorosamente con legni di castagno, neanche a dirlo.

Quando le castagne sono secche si battono: un tempo era tutto fatto tutto a mano. “Ci si disponeva in sette o otto attorno a un ceppo grosso, si mettevano dentro un sacco e si battevano contro il legno, a ritmo, si faceva proprio una musica. Potevamo starci pure una settimana”.

Oggi dura una mattinata, si fa tutto con una macchina che separa la castagna sbucciata da “la loppa” – la buccia -, che verrà conservata e servirà poi la prossima volta per attenuare il fuoco nella cannicciaia e conservare il calore per più ore. Adesso basta dare un’occhiata che le sbucciate non siano bacate o marce, e son pronte per essere portate al mulino.

Da tre chili di frutto fresco si ricava un chilo di castagna secca: da un chilo di secche, si ricava un chilo di farina dolce. Macinata rigorosamente a pietra: “ogni pietra del mulino ha la sua storia, porta con sé una serie di leggende del posto da cui è stata presa e macina in maniera diversa”, parola di mugnaio. La macinatura avviene lentamente, senza furia, nel silenzio della valle. Ecco che esce una farina che pare talco, tanto è impalpabile: profumata, fresca, genuina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una pratica contadina quella della battitura che lega almeno due generazioni all’agriturismo Fonte de’ Piani di Gavigno, che fa seccare e macina le sue castagne al Mulino Giraldi nella località di Castello a Luicciana, Cantagallo. L’azienda agricola si sta preparando alla vendita della farina e dei suoi prodotti – biscotti, dolci, polente – al mercato di Terra di Prato in piazza del mercato nuovo, sabato prossimo, 3 dicembre.

“Se hai mangiato in queste zone la farina di castagne prima di una settimana o dieci giorni fa, era dell’anno scorso o prodotta a livello industriale, non c’è storie”: questa è la sentenza degli uomini di Fonte de Piani. E’ questo il periodo per la farina nuova: si colgono a ottobre, quaranta giorni a seccare, poi si macinano.

Cosa c’è dentro la farina dolce? castagne, punto. Figlia di un grande lavoro che una manciata di aziende portano avanti nella provincia di Prato: non solo Fonte de’ Piani, infatti, sarà presente al banco della farina di castagne a Terra di Prato, ma anche l’agriturismo Corboli di San Quirico di Vernio e la società agricola Selva di Cantagallo: “siamo contenti – commentano i produttori di Terra di Prato – che la farina di castagne vada a ruba. Un tempo durava fino all’estate, ora non arriva a Natale. Un po’ per la quantità di castagne che si raccolgono, un po’ perché in tanti si stanno riappassionando a vecchie ricette e tradizioni di questi posti”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le castagne in cucina. “Le castagne in cucina stanno molto bene anche sul salato, che se ne voglia credere. Carni saporite come il cervo o salsicce. Sul dolce possiamo fare torte, biscotti, marmellate, necci, castagnaccio”. Ma anche una manciata di castagne secche in tasca da sgranocchiare durante la giornata, non è per niente male.

Appesa nella stanza dove si trovano le macine, nel mulino Giraldi c’è una scritta in versi dedicata alla castagna, che “nei tristi tempi che mancava il pane, a tanta gente ha tolto la fame”, una preghiera laica che rende omaggio al frutto più importante per i contadini della Val Bisenzio. Viva la farina di castagne.

castagne 14