Mabuse: l’omaggio a Bogart e la riscoperta di Antonio Pietrangeli

La nuova stagione del cineclub Mabuse porta al Terminale cinque capolavori interpretati da Bogart e i film di Antonio Pietrangeli, "il regista che amava le donne"

0
Condividi

L’omaggio all’icona del cinema hollywoodiano Humphrey Bogart, la riscoperta di Antonio Pietrangeli, “il regista che amava le donne”, e non solo. La nuova stagione del cineclub Mabuse, tornato a Prato lo scorso anno,  comincerà il prossimo 11 febbraio per terminare all’inizio di maggio. Proiezione unica il martedì alle 21,30, biglietto 5 euro con tessera associativa, 6 euro senza tessera. Film in lingua originale, sottotitolati.

Se infatti Bogart “è tuttora la stella più luminosa del firmamento hollywoodiano, come ebbe a scrivere l’American Film Institute nel 1999, e lo è ancora a distanza di così tanti anni dalla sua scomparsa (1957) – si legge nella presentazione – perché quando si riguardano i personaggi da lui interpretati si ha l’impressione di essere di fronte all’inizio di tutto, al modello classico per eccellenza”, Antonio Pietrangeli Pietrangeli, dal canto suo, “è anche l’autore italiano che più di ogni altro ha saputo raccontare le donne – continua la nota – la loro (mancata?) emancipazione e la loro faticosa ricerca di felicità e indipendenza in un contesto ancora prettamente maschile e maschilista”.

Bogart viene celebrato e raccontato con cinque capolavori, Pietrangeli riscoperto con quattro storie di donne che mostrano “un linguaggio leggero (e solo apparentemente superficiale), che mutua gli elementi della commedia e li inserisce in architetture psicologiche al femminile del tutto nuove per il panorama cinematografico dell’epoca, utilizzando uno stile originale e riconoscibile, basato su una esplosiva decostruzione della narrazione classica e su movimenti di camera fino ad allora inusuali per i nostri autori”.

A questo si aggiungono due film, “Dersu Uzala” e “Gli amori di una bionda”, restaurati recentemente alla cineteca di Bologna.

Omaggio a Bogart

14 febbraio
Casablanca (USA, 1942) di Micheal Curtiz

21 febbraio
Sabrina (USA, 1954) di Billy Wilder

28 febbraio
Il falcone maltese (USA, 1941) di John Huston

7 marzo
Il diritto di uccidere (USA, 1950) di Nicholas Ray

21 marzo
Il grande sonno (USA, 1946) di Howard Hawks

Il cinema ritrovato

14 marzo
Dersu Uzala (URSS/JAP, 1975) di Akira Kurosawa

11 aprile
Gli amori di una bionda (CEC, 1965) di Miloš Forman

Antonio Pietrangeli


28 marzo
La visita (ITA, 1963) di Antonio Pietrangeli

4 aprile
La parmigiana (ITA, 1963) di Antonio Pietrangeli

18 aprile
Io la conoscevo bene (ITA, 1965) di Antonio Pietrangeli

2 maggio
Adua e le compagne (ITA, 1960) di Antonio Pietrangeli