Palla Grossa 2017: i gialli di Santo Stefano non giocheranno il torneo

Le motivazioni che hanno portato il rione giallo a decidere di non partecipare alla nuova edizione della Palla Grossa a Prato.

0
Condividi

Pubblichiamo la lettera inviata alla stampa con la quale il rione giallo spiega le motivazioni per le quali non parteciperà al torneo della Palla Grossa, spostata per quest’edizione, nei giardini dell’ex Ippodromo. Sabato 9 settembre si sarebbero dovuti scontrare con il rione Rosso per la prima semifinale.

LA LETTERA

Con la presente siamo a comunicare che il quartiere Santo Stefano non parteciperà all’edizione della pallagrossa 2017.
Ci sentiamo di chiedere scusa a tutti i nostri tifosi, convinti che ci sosterranno anche in questa decisione.
Le motivazione sono semplici e sono state rafforzate giorno dopo giorno da tutto quello che è successo intorno a questa edizione.
Dal primo momento il colore Giallo ha dichiarato di non voler giocare fuori dalle mura della città. Per questo motivo si è prodigato nel cercare un dialogo con i commercianti, trovando le porte aperte di quest’ultimi ma chiuse da parte di amministrazione comunale e associazioni di categoria. Il comitato pallagrossa ha comunque deciso non solo di accettare lo spostamento ma anche il cambio di orario.
I calcianti del quartiere Santo Stefano si sono trovati a non avere un campo in cui allenarsi per svariati motivi d’incomprensione con l’amministrazione comunale. Incomprensioni sanate e risolte in un accordo per il prossimo anno in cui si spera che la pallagrossa possa tornare a risplendere.
Per tanto i calcianti che non hanno potuto allenarsi (salvo qualche partitella in campi di fortuna) non metteranno a repentaglio la propria salute.
Per ultimo si è parlato di non rispettare il regolamento per quanto riguarda squalifiche passate, giocatori stranieri, etc. per facilitare le squadre che faticano ad avere il totale dei giocatori. Regolamento che il colore Giallo ritiene intoccabile per il bene della manifestazione, del gioco e dei suoi partecipanti.
Per tutti questi motivi siamo costretti a rinunciare a questa edizione, prendendoci tutte le nostre responsabilità, nella speranza che anche gli altri siamo pronti ad assumersi le loro.
Pertanto ci dissociamo da tutti i commenti che fin’ora abbiamo sentito e letto, anche da parte di calcianti del nostro colore, ricordando che questa è l’unica fonte ufficiale.

Per l’amore che nutriamo verso la Pallagrossa il quartiere Santo Stefano decide coerentemente di non partecipare a questa edizione.

Augurando a Rossi, Verdi e Azzurri che vinca il migliore.

Cordiali saluti

Il presidente del quartiere Santo Stefano
Luca Moro