Ardengo: un menù pieno d’invenzioni per settembre

"Ardengo", il nuovo locale di via dei Cimatori, lancia il menù di settembre, ricco di invenzioni e di abbinamenti particolari.

0
Condividi
La carta dei vini "dal vivo" di Ardengo

Aperto nel mese di giugno per sorprendere gli amanti e i curiosi del vino, “Ardengo” saluta l’arrivo di settembre con un menù dagli abbinamenti nuovi di zecca.

Da stasera, 5 settembre, nell'”enoteca in movimento” di via dei Cimatori si potrà così provare il “Roger Rabbit”, “una rivisitazione estiva del classico coniglio alla cacciatora” spiega Mirko Banacchioni, uno dei titolari, “che si trasforma in un gazpacho di pomodoro con coniglio sfilacciato e oliva taggiasca e con il quale consigliamo una bollicina rossa, un Lambrusco “36 mesi” – Metodo Classico della “Cantina della volta”.

Accanto ai pezzi forti come la rivisitazione del classico pane, burro e acciughe, il nuovo menù spazia tra terra e mare con “Dott. Lampre”, una reinvenzione del panino al lampredotto, “Cozze al cucchiaio” o, giusto per citarne un altro,  la complessa architettura di sapori che porta il nome di “Gambero e Caponata” ma nasconde molto altro, “da abbinarsi – spiega Banacchioni – con un bicchiere di bianco “Masciarelli”, un vino particolare quanto il piatto che accompagna”.

Ardengo serve al bicchiere – da sole bottiglie magnum – grandi vini italiani e stranieri. È aperto in via dei Cimatori 6 tutte le sere, dalle 19 all’una, tranne il lunedì.