Il Festival Zipoli compie dieci anni: il programma

Il Festival dedicato al più famoso compositore pratese nel mondo compie dieci anni e festeggia celebrando il restauro degli organi antichi di Prato.

0
Condividi

Il Festival Zipoli è dedicato al compositore più famoso compositore pratese nel mondo e quest’anno festeggia la decima edizione con un vero e proprio omaggio a quegli organi per i quali componeva Domenico Zipoli (1688-1726).

Dieci gli appuntamenti in programma tra il 18 novembre e il 29 dicembre. I concerti saranno sette in tutto e tre di questi saranno celebreranno la conclusione del restauro di altrettanti organi antichi: quello di San Luca a La Querce, quello dell’oratorio di San Sebastiano e quello della chiesa del Sacro Cuore.

Tra gli appuntamenti da ricordare, il Festival diretto dall’organista e musicologo Gabriele Giacomelli la messa della vigilia di Natale nella chiesa di San Francesco con l’orchestra d’archi della scuola comunale di musica Verdi, una visita guidata all’antico organo de La Querce, oggi ospitato al Museo dell’opera del Duomo, e un film al Centro Pecci con le musiche di Zipoli.

Nel ricco calendario di appuntamenti, “La musica di Zipoli rivivrà con l’esecuzione di brani tratti dalle celebri “Sonate d’Intavolatura per Organo e Cimbalo”dai manoscritti sudamericani – ha spiegato il direttore artistico Giacomelli – ma soprattutto grazie alla voce arcana degli organi cittadini, da quello antico collocato nelle Volte della Cattedrale, a quello ancora più antico dell’Oratorio di San Sebastiano, silente da decenni, a quello moderno della chiesa del Sacro Cuore: i rispettivi restauri vengono inaugurati in questa edizione del Festival”.

“Anche quest’anno sono tanti gli eventi speciali che contraddistinguono il ricco cartellone del Festival Zipoli – ha detto l’assessore alla cultura Mangani – all’insegna della buona musica, della promozione della cultura e della partecipazione del territorio, come si vede dalle tante associazioni e gli enti che collaborano nell’iniziativa”.

Il programma

Sabato 18 novembre, ore 16
Museo dell’Opera del Duomo, Volte della Cattedrale
Visita guidata all’antico organo restaurato, già in San Luca alla Querce a cura di Gabriele Giacomelli.

Sabato 25 novembre, ore 17
Centro per l’Arte Contemporanea Pecci
Il film con la musica di Zipoli
“BirdWatchers. La terra degli uomini rossi” di Marco Bechis (2008) con Claudio Santamaria e Chiara Caselli. Un film di denuncia sociale della segregazione sofferta dai guaranì, le cui terre vengono occupate dai fazenderos che sfruttano i terreni per le coltivazioni transgeniche e organizzano escursioni turistiche di birdwatching. Ingresso 5 euro.

I concerti

Sabato 2 dicembre, ore 21 – Museo dell’Opera del Duomo
Concerto d’inaugurazione del restauro dell’ antico organo, già in San Luca alla Querce
Jan Vermeire organo – Musiche di G. Frescobaldi, G. Gabrieli, A. Vivaldi, D. Zipoli. La voce di un organo antico in uno spazio inedito e di grande suggestione.

Mercoledì 6 dicembre ore 21 – Chiesa dello Spirito Santo, p.zza del Collegio
Concerto per organo e violino
Enrico Viccardi organo
Daniele Iannaccone violino – Musiche di J. S. Bach, T. Merula, B. Pasquini, J. P. Westhoff, D. Zipoli. Un organo barocco dei tempi di Zipoli affiancato dal violino.

Domenica 10 dicembre ore 18 – Oratorio di San Sebastiano, p.zza San Domenico
Concerto d’inaugurazione del restauro dell’antico organo
Duo Riverberi – Stefano Pellini organo, Pietro Tagliaferri sassofono. Musiche di D. da Bergamo, G. F. Händel, N. Moretti, D. Zipoli. Un prezioso organo ritrovato per un originale duo.

Mercoledì 13 dicembre, ore 21 – Chiesa di San Francesco
Concerto sinfonico-corale Camerata Strumentale Città di Prato – Coro “Città di Prato”
Jonathan Webb direttore, Elizaveta Martirosyan soprano, Ewa Gubanska mezzosoprano, Gabriele Giacomelli organo. Musiche di M. A. Charpentier, E. Grieg, A. Vivaldi, D. Zipoli. Programma natalizio con l’esecuzione della Pastorale di Zipoli nell’originale versione organistica e in una nuova trascrizione per oboe e orchestra di Federico Perotti.

Venerdì 15 dicembre, ore 21 – Chiesa del Sacro Cuore, via Ofanto
Concerto d’inaugurazione del restauro dell’organo
Stanislav Surin organo con la partecipazione dell’ensemble Sesquialtera diretto da Pierluigi Chiarella. Musiche di J. S. Bach, A. Marcello, G. Pierluigi da Palestrina, H. Schütz, A. Vivaldi, D. Zipoli. Capolavori per organo e voci tra Italia e Germania.

Mercoledì 20 dicembre, ore 21 – Chiesa di San Francesco
Concerto nel 500° anniversario della Riforma di Lutero
Ferruccio Bartoletti organo con la partecipazione del Coro Euphonios diretto da Elia Orlando. Musiche di: J. S. Bach, D. Zipoli. I suggestivi corali luterani preceduti dall’esecuzione dei rispettivi preludi organistici composti da Bach.

Venerdì 29 dicembre, ore 21 Carmignano, pieve di San Michele Arcangelo
Concerto organistico-corale. Letizia Romiti organo, con la partecipazione del Piccolo Coro Melograno di Firenze diretto da Laura Bartoli. Musiche tradizionali natalizie, C. Balbastre, C. Franck, D. Puccini, D. Zipoli. Omaggio al Natale nel mondo.

Domenica 24 dicembre, ore 23,30 – Chiesa di San Francesco
Misa de San Ignacio
Orchestra d’Archi della Scuola Comunale di Musica “Verdi”, Coro Euphonios preparato da Elia Orlando, Marco Facchini primo violino e maestro concertatore, Beatrice Cioni soprano, Cristina Pierattini contralto, Federico Mancini tenore, Andrea Perugi organo. La Messa della Notte di Natale accompagnata dalla musica di Zipoli.

Il Festival Zipoli è promosso dai Comuni di Prato e Carmignano, con il patrocinio della Regione Toscana, il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Prato e Banca Fideuram – Cosima Maggi Private Banker e in collaborazione con l’associazione Prato per Zipoli, la Diocesi di Prato, la Camerata Strumentale Città di Prato», il Museo dell’Opera del Duomo di Prato, la Scuola Comunale di Musica Verdi, il Centro per l’Arte Contemporanea Pecci, i Lions Club di Prato, la Chiesa di San Francesco, le Parrocchie del Sacro Cuore, Spirito Santo e S. Michele a Carmignano, la Compagnia libera di S.Sebastiano, l’associazione pratese Amici dei Musei, Prato Didattica e CRAL – USL 4.