MultisOnori: la playlist di dicembre

Tanta bella musica nuova proveniente da tutto il mondo per l'appuntamento mensile firmato Riccardo Onori su Pratosfera.

0
Condividi

Terzo appuntamento con MultisOnori, è proprio interessante questa ricerca per me, da quando faccio queste playlist mensile per Pratosfera, ascolto ancora più musica di prima.

In qualche modo è come scrivere un diario, invece di raccontare ciò che mi succede ogni giorno, mi appunto direttamente la colonna sonora.

ASCOLTA LA PLAYLIST COMPLETA SU SPOTIFY

1) Jack Steadman è un giovanissimo cantante chitarrista londinese,componente dei Bombay Bicycle Club anche dei Mr Jukes. La voce di questo pezzo è di Charles Bradley: sinceramente non ho capito se è un remix di un suo brano vecchio oppure è proprio una sua nuova composizione, questo perché Bradley è scomparso questo anno, boh. Fatto sta che questo brano è una bomba a mano: soul explosion, rimango incollato alla suono della voce, davvero fantastico.

LINK: Spotify, Youtube.

2) Valerie June Hockett (nata il 10 gennaio, 1982) è una cantante, compositrice americana di Memphis, Tennessee. Il suo sound è un mix perfetto tra il soul, gospel, country e il bluegrass.
Questo brano è arcaico, rimane sempre sullo stesso accordo, un treno in corsa. Mi piace molto quest’artista perché ha una voce originale e riconoscibile.

LINK: Spotify, Youtube.

3) Davide Petrella è uno degli autori più richiesti. Ha cominciato a scrivere per Cesare Cremonini e poi sono arrivate le hit di successo per Gianna Nannini, J-Ax, Fedez ed Elisa.
Adesso ha fatto uscire questo brano dove prova la carriera da solista: sembra comunque un brano di Cremonini, senza avere un ritornello proprio esplosivo. Devo dire che è una bellissima sorpresa, mi piace molto il suo modo di usare le parole.

LINK: Spotify, Youtube.

4) Chris Dave è un super batterista nato l’8 novembre 1973, Houston, Texas, Stati Uniti. Un personaggio molto attivo nella scena del nu jazz e nu soul, se vi capita di dare un’occhiata alle sue collaborazioni, è facile che vi cada la mascella per terra…In questo brano si sentono le sue profonde radici hip hop.

LINK: Spotify, Youtube.

5) Mehdi Benjelloun, (nato 10 November 1999) è meglio conosciuto con il nome d’arte Petit Biscuit, è un Dj produttore Francese. È impressionante parlare di un ragazzino che ha l’età di mio figlio più o meno. Ha già una maturità produttiva impressionante. Il bello dell’arte è che quando viene fatta bene, non c’è età, nazionalità e né sesso: va tutto bene.

LINK: Spotify, Youtube.

6) Tha Supreme, nome d’arte di Davide Mattei, è un rapper e produttore romano classe 2001.
Se prima abbiamo parlato di un artista Francese giovanissimo, adesso parliamo di un artista Italiano ancora più giovane. Molto interessante se si pensa che ha 16 anni, fa veramente impressione. Ha appena fatto una base per Salmo, attualmente sono primi in classifica su Spotify.

LINK: Spotify, Youtube.

7) Mount Kimbie è un duo inglese di musica elettronica formatosi a Londra nel 2008. Il duo è composto da Dominic Maker e Kai Campos. A differenza di molti altri artisti dubstep, il loro stile si concentra sul campionamento, sui loop e su sonorità ambient.
In questo brano potrete forse riconoscere la voce di King Krule, vi avevo proposto un brano nella precedente playlist. Qui siamo veramente nell’avanguardia londinese…che poi ha sempre un sapore punk.

LINK: Spotify, Youtube.

8) Isaiah Sharkey è un chitarrista, cantante, autore e produttore di Chicago. Appena 28enne anche lui vanta collaborazioni incredibili, sopratutto nella scena del nu soul. Molto interessante questo brano del suo nuovo album solista. Lo eleggerei l’erede di George Benson.

LINK: Spotify, Youtube.

9) I Songhoy Blues sono un gruppo giovanissimo formatosi a Bamako, succede spesso che questi ragazzi siano costretti a scappare dai conflitti militari interni, dove spesso viene proibita la musica: magicamente nascono band con un energia pazzesca, come è successo a questi ragazzi.

LINK: Spotify, Youtube.

10) I Foals sono un gruppo musicale indie rock inglese, formatosi a Oxford nel 2005. Questo brano non è proprio recente, ma questa rubrica non è una classifica, è vero che cerco sempre di proporvi novità, in realtà per me lo è, perché non conoscevo questo artista…

LINK: Spotify, Youtube.