Prato: “Il sapore delle foglie” di Sofia Bucci negli spazi di Lato

Arriva a Prato "il sapore delle foglie" di Sofia Bucci, mostra fotografica che descrive le tappe di una devastante malattia e della successiva guarigione.

0
Condividi

Sofia Bucci espone a Prato il lavoro che documenta il percorso di guarigione da una devastante malattia.

“Il sapore delle foglie” sarà visitabile dal 9 febbraio al 23 Marzo  con ingresso libero dal lunedì al venerdì ore 9,00-13,00 e 15,00-19,00 negli spazi di Lato (Piazza San Marco 13). L’inaugurazione della mostra si terrà il 9 febbraio ore 18,30.

Sofia Bucci con il suo lavoro è uno dei venti autori selezionati dalla seconda edizione di Slideluck Prato, realizzata dall’associazione Sedici. Lato, partner della manifestazione, ha offerto a Sofia la possibilità di esporre il suo lavoro all’interno del proprio spazio.

Il lavoro di Sofia è “tutto da sfogliare”, poiché consiste in una raccolta fotografica racchiusa in un libro che è la prima pubblicazione editoriale di Sofia. Le foto sono toccanti, cariche di significato ed hanno l’intento di mostrare  le tappe di una malattia per poi mettere in luce anche gli aspetti della guarigione.

Sofia Bucci cattura nei suoi scatti il processo di malattia e quello di guarigione quasi come se immortalasse una fenice che rinasce dalle proprie ceneri o la calma che si avverte dopo un devastante temporale. Ci sono foto di nudo toccanti ed immagini che lasciano campo libero all’interpretazione dei visitatori; è un mostra tutta da scoprire, un’occasione per riflettere e compiere un viaggio introspettivo grazie alle foto dell’artista.

Sofia Bucci nata il 28 Aprile 1991, fotografa e una rilegatrice di libri nel tempo libero. Si occupa di self-publish e DIY book. Vive a Giulianello, in provincia di Latina. Dopo il diploma di maturità classica intraprende gli studi presso la Scuola Romana di Fotografia, dove consegue il Terzo Master. Non scatta foto facili o difficili. Scatta foto. Si ritiene vanitosa quanto basta perché possa rileggersi e non urtarsi.

Ecco un’anteprima della mostra.