C’era una volta la musica Italiana da esportazione. Erano canzoni che coniugavano una melodia vocale calda e ripetitiva (spesso “effettata” dal vocoder) a un suono futuristico, “spazioso” e tremendamente ballabile, creato da effetti di prima generazione prodotti da sintetizzatori, drum machine e vocoder. Era la Italo Disco, mai amata in patria quanto apprezzata dai Dj di Londra e Berlino.

E’ il 1983 l’anno di nascita “ufficiale” della Italo Disco, quando l’editore tedesco Bernhard Mikulski pubblica una raccolta in doppio LP intitolata “Best of Italo Disco”, coniando di fatto questa espressione che diverrà famosa in tutto il mondo, e che diventerà sinonimo di musica dance realizzata in Italia.

L’Italo Disco continuerà ad imperversare fino al 1988-1989, fino a quando cioè nelle discoteche iniziano a fare capolino i primi brani house.

Ma se la Italo Disco si congeda dagli italiani, rimane stranamente in vetta nelle classifiche estere. Si assiste così ad un curioso fenomeno: i produttori italiani continuano a realizzare musica “export-only” mai pubblicata in Italia ma ballata in tutti i club dell’Europa, soprattutto dell’est, creando personaggi sconosciuti nel nostro paese ma famosissimi ad esempio in Polonia.

Questa una lista, non esaustiva, dei maggiori tormentoni soprattutto estivi realizzati in quel periodo.

1980 – KANO – Ikeya Seki

1981 – CLAUDIO CECCHETTO – Gioca Jouer

1982 – ALBERTO CAMERINI – Tanz bambolina

1983 – RIGHEIRA – Vamos A La Playa

1984 – RAF – Self Control

1985 – BALTIMORA -Tarzan Boy

1986 – IVANA SPAGNA . Easy Lady

1987 – SABRINA SALERNO – Boys (Summertime Love)

1988 – DEN HARROW – Lies

1989 – MECANO – Figlio Della Luna

Tutto sugli Anni 80 su Ottantallora

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.