blasi

Alla città di Prato serve un cambio di paradigma, una svolta generazionale che permetta alla politica di tornare a servizio della collettività partendo, magari, “proprio dagli spazi culturali in disuso, che gli amministratori devono rendere ai cittadini”. Diego Blasi, il ventiseienne che la scorsa primavera ha lasciato “Libertà è Partecipazione” per Sel, lo dice da tempo: l’uscita di ieri in difesa di Officina Giovani non giunge a caso.

Sono convinto serva un ripensamento generale per recepire le nuove esigenze di questa città. La gestione della cultura a Prato è fallimentare e la responsabilità è degli amministratori – comincia – non solo di quelli attuali, che sono arrivati e non hanno fatto nulla, ma anche di quelli precedenti. Che,tanto per fare un esempio, non hanno saputo trovare i meccanismi per mantenere il centro vivo e vegeto nel tempo. E’ necessario, secondo me, che spazi culturali in disuso tornino a disposizione della collettività, delle associazioni che hanno progetti, di giovani che abbiano voglia di impegnarsi in qualcosa. Senza per forza dover generare profitto – aggiunge – ma, almeno all’inizio, solo per riportare un po’ di vita in posti altrimenti abbandonati”. Il discorso vale per Officina ma anche per altri luoghi. “Un altro esempio: a Prato abbiamo anche l’Università, un corso di laurea sulla gestione degli eventi unico in Italia. Nessuno che abbia mai pensato un servizio vero per gli studenti – dice – oppure qualche progetto per valorizzare le professionalità che ospita il Pin”.

Un ripensamento che dovrebbe poi essere promosso da una nuova sinistra pratese. Nuova nello spirito e pure nelle facce. “In trent’anni la sinistra ha sempre perso e mi sembra che nell’aria ci sia una svolta generazionale da cogliere al volo. Tanti giovani che vogliono lavorare per il proprio futuro – dice – E a chi sostiene che in politica conta anche l’esperienza, io rispondo che se quell’esperienza ci ha portati a questo punto, allora forse è meglio non averla. Poi penso che Sel possa in questo senso rappresentare uno strumento efficace per cambiare in meglio la sinistra – aggiunge Blasi – ma solo se riesce a rappresentare i nuovi conflitti, se smette di aver paura della contaminazione e se rinuncia a qualche forma di conservazione. E spero, soprattutto, che il Pd vada verso sinistra e non in altre direzioni: solo così a Prato potremo tornare a governare tutti insieme. Mi sono stancato di stare all’opposizione”.

Diego Blasi è stanco di stare all’opposizione per un semplice motivo: “Se non governi, la vita delle persone non puoi provare a cambiarla – spiega – e per cominciare a farlo servono idee precise e soprattutto vincere alle elezioni”. Cosa che però non sembra affatto scontata. “Nessuno si può permettere di dare per scontata una sconfitta di Cenni, anzi – precisa – in questo momento, per esempio, vincerebbe un’altra volta. Però siamo in una situazione in cui l’assessore Milone è diventato la rappresentazione caricaturale di Prato, portatore di una visione feudale della città, a sua volta spaventata dal resto del mondo. Il tutto è reso ancora più folcloristico da una caccia agli sfruttati cinesi e mai ai loro sfruttatori che ha come portabandiera il sindaco Cenni, uno tra i primi a delocalizzare in Cina e a causare quello che credo sia stato il primo sciopero della storia cinese”.

Sull’integrazione poi, ha da sempre le idee chiare. “La legalità rimane sempre al primo posto, questo è certo, ma dobbiamo per forza ribaltare il paradigma, e cioè trasformare l’integrazione in un valore. Prato è in una situazione particolare, potrebbe essere davvero un grande cantiere per la mediazione, un esempio in tutta Europa. Poi c’è da dire che a Prato c’è una classe dirigente che l’integrazione l’ha già fatta da tempo coi soldi, svendendo tutto lo svendibile. Tanto che per vedere un giorno il Prato in Serie A – conclude – forse dobbiamo sperare che lo compri un imprenditore cinese”.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.