I giochi olimpici invernali di Sochi 2014 sono appena cominciati. E per chi è stato occupato in altre cose è forse arrivato il momento di fare un ripasso sull’evento di cui tutto il mondo, e per un sacco di motivi, sta parlando e parlerà nelle prossime settimane.

1) Numeri. Il costo delle Olimpiadi di Sochi  si aggira intorno ai 50 miliardi di dollari, secondo Pagina 99, che riprende il rapporto sui costi pubblicato dal blogger indipendente russo Alexsey Navalny.

2) Facebook. Il Social Network ha creato una lista in cui verranno convogliati tutti i contenuti sulle Olimpiadi prodotte da chi li sta vivendo (La Stampa). Si chiama “Sochi Winter Olympics Interest List” ed è un modo veloce per assistere da distanza ravvicinata a quello che succede. I racconti degli atleti, degli spettatori e molto altro ancora. Twitter invece pullula di profili

3) I cartelli dei bagni. Hanno fatto il giro del mondo: strani cartelli con strani divieti.

4) Bufale. La più bella in assoluto è questa raccontata sul blog #Teamgrulli, che racconta come è nata la bufala dei giornalisti canadesi che invece di andare in Russia sarabbero finiti a Soci, in Casentino. Di cui hanno parlato anche alcuni giornali.

5) Italiani. Gli atleti provenienti dal nostro paese sono in tutto 113. Wired ha fatto un elenco di tutti quelli che hanno un profilo sui social network.

6) Problemi. Cantieri ancora aperti e talmente tanti altri problemi raccontati direttamente dai testimoni che il profilo twitter @SochiProblems ha più follower di quello ufficiale dei giochi olimpici. E ritwitta cose del genere:

 

7) Boicottaggio. Tra quei pochi primi ministri che saranno a Sochi per l’inaugurazione dei giochi il nostro Enrico Letta. E’ boicottaggio, più o meno mascherato.

8) Omofobia. Dopo le polemiche dei giorni scorsi e le proteste, anche ironiche, contro la Russia di Putin, stamani anche Google si  è espresso in difesa dei diritti dell’uomo con un bel doodle color arcobaleno. Seguito in giornata dal Guardian.
doodle_sochi_2014

9) Gli stadi. Europa Quotidiano ha creato una bella galleria sugli stadi dove si terranno i giochi.

10) Gli speciali. Tutti i giornali del mondo, più o meno, coprono i giochi di Sochi con sezioni speciali. Alcune si distinguono dalle altre per come sono presentate, altre per i contenuti particolari che raccolgono. Eccone alcuni: Repubblica, La Stampa, Il Post, New York Times, The Guardian, Wapo.

11) Dov’è Sochi? (perché la risposta in Russia non basta)

Visualizzazione ingrandita della mappa