Secondo giorno di primavera ha già dato frutti. In piazza duomo a Prato, oggi, sabato 22 marzo, spunta questo gazebo qui. Incuriosito, lo confesso, mi sono avvicinato ed ho chiesto informazioni:  si tratta del primo gazebo in tutta Italia della “Etero Pride” prima associazione italiana (quando si dice la fortuna che abbiamo noi pratesi) per rappresentare e sostenere l’eterosessualità e i diritti di questi ultimi, organizzando incontri e convegni.

Il ragazzo alto con la lunga coda di cavallo mi ha parlato di tutto quello che questa nuova realtà tutta italiana vorrebbe fare e inventarsi: “Siamo un contenitore vuoto, saranno i nostri associati a riempirlo”. Mi è sembrato molto convinto quando mi ha detto che presto questa associazione si espanderà a livello mondiale. Mi ha anche confessato che se su Google cerchi “Etero Pride” spunta il loro sito in prima pagina, al terzo posto. Ho verificato, aveva ragione: quindi è gente di cui ci si può fidare.

In quell’istante un po’ di emozione: mi è stato consegnato il primo volantino al mondo che pubblicizza l’associazione “Etero Pride”. Cose da raccontare ai figli o ai nipoti, molto probabilmente.

Tornato a casa, sono andato sul loro sito www.eteropride.org, per scoprire chi abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta in Italia e, nella sezione “Chi siamo”, compare questo testo, di cui vi copio un piccolo accenno.

Etero Pride è una costituenda associazione che vuole, semplicemente, colmare un vuoto affrontando gli argomenti “genere” e “orientamento sessuale”.

La nascita del Gay Pride è stato un evento che ha creato uno spazio, un momento di dibattito dentro e fuori le Istituzioni. Si può quindi dire che l’omosessualità sia stata ampiamente e costantemente affrontata, mentre non si può dire altrettanto con l’eterosessualità. Quest’ultima è infatti percepita come ovvia, scontata, quasi in secondo piano. Tutto questo è sbagliato. Anzi, sbagliatissimo. Le questioni che ruotano attorno all’eterosessualità sono numerose, assolutamente in divenire e in continua mutazione.

Quello che un tempo era una minoranza silenziosa (rappresentata da gay, lesbo, trans,…), oggi con intelligenza e spirito di iniziativa riesce in modo divertente e provocatorio a poter argomentare e dibattere le proprie legittime rivendicazioni.

Gli eterosessuali, che da stime ufficiali dovrebbero essere più o meno il 92,5% della popolazione mondiale, vengono dati per scontati da parte dei media e delle Istituzioni, pensando che loro non abbiano problemi o esigenze.
Assolutamente falso. Per capire quanto ciò non sia veritiero basta osservare, dal’900 ad oggi, i profondi cambiamenti che hanno caratterizzato la società, la famiglia e la coppia.

 

Un’ultima cosa: per chi non riuscisse ad andare a conoscere questa realtà oggi pomeriggio, torneranno sempre in piazza Duomo il prossimo 30 marzo.

23 Commenti

  1. fanno bene a tornare sabato prossimo. Noto che affrontano con prezioso acume un terribile problema che attanaglia il paese e il mondo: la mancanza di diritti per gli eterosessuali…

  2. Dire che mi vergogno di essere Pratese è poco…

    Seriamente, di quali problemi soffre un normale etero rispetto ad un gay o ad un trans? non mi sembra che sia discriminato per il suo essere eterosessuale, non mi sembra che un etero-medio si vergogni di essere etero e lo tenga nascosto a tutti per evitare di essere bullizzato.

  3. Siete stupidi a parlar male di questa associazione. Vogliono solo affrontare dinamiche sessuali che invece vengono date per scontate da tutti. Dovreste supportarli, se davvero siete così aperti mentalmente come dite di essere…

  4. Che buffonata. “Vengono dati per scontati da parte dei media e delle istituzioni” è un modo di fare del vittimismo che non trova assolutamente riscontro nella realtà, dove media ed istituzioni (in particolar modo in Italia) smettono di parlare della famiglia tradizionale giusto quando c’è il gay pride o viene picchiato un omosessuale.

  5. Certamente, noi eterosessuali soffriamo da tempo di discriminazioni rispetto ai gay. Possiamo ad esempio subire più volte il supplizio del matrimonio, adottare figli non nostri e noi donne siamo addirittura costrette ad assumere anticoncezionali che, è risaputo, provocano grave ritenzione idrica e cellulite.
    Menomale che sono arrivati questi geni a salvaguardare la nostra specie data per scontata!!

  6. Questo è un insulto all’eterosessualità…come minimo hanno paura di essere incasellati come “froci”. Poi non si lamentino se molta gente si rifiuta sempre di più di essere considerata eterosessuale. Ridicoli. Ma che diritti non hanno gli etero? Possono sposarsi, possono adottare, non vengono derisi e offesi perché sono etero.
    Forse le donne subiscono gravi discriminazioni da eterosessuali (come da lesbiche) ma gli uomini etero cosa subiscono? solo una grande paura di essere considerati gay a causa della loro omosessualità latente.

  7. The Absent Game

    Among me and my husband we’ve owned more MP3 players over the years than I can count, which includes Sansas, iRivers, iPods (basic & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few many years I’ve settled down to one line of gamers.

  8. The Absent Game

    In between me and my husband we’ve owned much more MP3 gamers over the years than I can count, together with Sansas, iRivers, iPods (classic & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few ages I’ve settled down to one line of gamers.

  9. The Ships’s Voyages

    I believe technological innovation just causes it to be even worse. Now there is a channel to in no way treatment, now there will not be considered a chance for them to find out.

  10. The Birch of the Shadow

    I think there could be considered a handful of duplicates, but an exceedingly helpful record! I have tweeted this. A lot of thanks for sharing!

  11. Third Flower

    My wife and that i are already now delighted that Albert could execute his studies due to the ideas he had by means of your website. It truly is every so often perplexing to only often be gifting away actions which a number of people could have been of…

  12. The Absent Game

    In between me and my husband we’ve owned much more MP3 gamers over time than I can count, together with Sansas, iRivers, iPods (basic & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few many years I’ve settled down to one line of gamers.

  13. Third Flower

    My wife and that i happen to be now delighted that Albert could carry out his reports due to the concepts he had by means of your web page. It’s every so often perplexing to only normally be making a gift of ways which a lot of people might have been…

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.