Un Dante postmoderno per uno spettacolo lungo 12 ore all’insegna della musica techno. Questo è “Opera Music Festival”, la manifestazione che il prossimo 7 giugno in anteprima nazionale si svolgerà a Prato, allo stadio Chersoni di Iolo.

“In Europa i festival di musica elettronica coinvolgono decine di migliaia di persone mentre in Italia eventi così imponenti non ne sono mai stati fatti – ha spiegato Claudio Belgiorno, l’organizzatore insieme a Irene Querci – Per farlo, abbiamo pensato di unire la musica elettronica con qualcosa di tipicamente italiano come la Divina Commedia. Un’opera, complessa e importante, che i ragazzi sono costretti a studiare a scuola ma che digeriscono poco. Opera Music Festival è concepito per “svecchiare” la Divina Commedia”.

La prima edizione dell’Opera Music Festival sarà dedicato all’Inferno, prima cantica della Divina Commedia, e più in dettaglio dei sette vizi capitali. “Una manifestazione ambiziosa che nel tentativo di creare un contatto sano e sincero tra uomo e cultura – si legge ne comunicato – punta a creare un format che ben si adatta ad altri panorami sia italiani che europei, ponendosi come obiettivo quello di coinvolgere giovani di tutte le età”.

“Siamo cauti – spiega Belgiorno – ma credo di poter dire che ci aspettiamo minimo tremila persone. Ci sono già 12 autobus provenienti da mezza Italia pronti per il 7 giugno e i biglietti sono in vendita su tutti “.
mappa_operamusicfestival

I protagonisti

Sono più di cento gli artisti coinvolti nella prima edizione dell’Opera Music Festival tra djs e compagnie di giocoleria di rilievo nazionale come Magma Cirkus, New Ability Cirkus, Fulop Factory, Les Chouettes, e il corpo di ballo del Carnevale di Viareggio, arricchito da performers, danzatori aerei, giocolieri con il fuoco, trampolieri e ballerini dei migliori locali e festival internazionali. In totale l’animazione sarà composta da 50 artisti che si alterneranno in una coreografia pensata e realizzata per l’evento, tra questi anche alcuni rappresentanti della compagnia “Sbandieratori e musici della Signoria di Firenze”.

La scenografia sarà allestita con le immagini del pittore fiorentino Enrico Guerrini, artista che ha dedicato gran parte della sua produzione alle raffigurazioni dell’Inferno Dantesco, realizzando progetti legati all’opera e quadri estemporanei durante letture dei canti della Divina Commedia, in occasione di eventi e mostre.

Da segnalare inoltre la collaborazione con Instagramers Italia. Dal 20 Maggio al 5 Giugno sarà lanciato un contest su Instagram a tema “Rosso Inferno”, tutti gli scatti postati su Instagram dal 20 Maggio al 5 Giugno con gli hashtag #rossoinferno, #operamusic14, #igersToscana, #igers(e propria provincia es. #igersprato #igersmilano) saranno in concorso per vincere i biglietti per l’evento del 7 Giugno. La manifestazione pone infine l’accento anche sulla sensibilizzazione dei giovani al rispetto dell’ambiente, A tal fine Opera Music Festival concederà un buono sconto sulle bevute a chi riporterà alla cassa i bicchieri già usati.

Gli artisti

JEFF MILLS
Tra i pesi massimi della techno made in Detroit, Jeff Mills è un brillante dj e produttore americano, noto in tutto il mondo per essere la figura più rappresentativa ed influente della techno d’avanguardia. Dopo aver iniziato la sua carriera nel 1984 come dj nella WDRQ radio, sotto lo pseudonimo The Wizard, alla fine degli anni Ottanta Mills fonda il collettivo techno Underground Resistance, “uomini in missione” pronti a dare alla techno una nuova vita. Poco dopo Mills intraprende un suo progetto parallelo solista, e fonda nel 1992 la Axis, la più importante etichetta discografica in ambito techno, puntando, con il socio Robert Hood, ad un suono più minimale rispetto a quello in voga al tempo. Gli album di Jeff Mills sono soprattutto tracce separate delle composizioni che Mills stesso mixa nei suoi numerosissimi dj set in tutto il mondo, collezionando più di cento date in un anno. Ma la carriera artistica di Jeff Mills non è solo in ambito techno, come dimostrano le sue collaborazioni nell’arte contemporanea. Interessato al cinema ed alle immagini, Mills si dedica soprattutto alle fusioni tra suoni e visuals, come dimostrano le sue installazioni a partire dal 2000 in centri d’arte (tra cui Le Centre Pompidou) o le particolari colonne sonore in versione techo epica realizzate, ad esempio, per il film Metropolis. Nel 2005 Jeff Mills ha suonato con la Philharmonic Orchestra di Montpellier, registrando l’opera Blue Potential. Considerato una leggenda del Turntablism, per le sue capacità di suonare più di settanta dischi in un’ora, Jeff Mills è la colonna portante della techno from Detroit e si esibirà alla prima edizione di Opera Music Festival in un ideale connubio tra musica ed arte.

LEN FAKI
Dj, remixer e produttore discografico tedesco, Len Faki è apprezzato a livello internazionale nell’ambito della musica techno, ottenendo la stima e la riconoscenza da parte di artisti più quotati ed amati della scena contemporanea. Proprietario di cinque etichette discografiche, Len Faki è noto soprattutto per la sua visione di musica techno d’avanguardia, con un sound innovativo ed audace, energico ed indomabile, dedicato e rivolto alla realtà dei club. Resident dj presso il leggendario club berlinese Berghain sin dalla sua apertura nel 2004, le sue performance sono esperienze audiovisive in cui l’artista interagisce con il pubblico attraverso la carica travolgente della sua musica. Lo stile arido e al contempo comunicativo contraddistingue Len Faki come un vero gentiluomo dietro i giradischi, un artista le cui performance sono ispirate dalla passione e dall’estetica e la cui accurata tecnica di esecuzione gli consente di anticipare i movimenti nel dancefloor, in un connubio perfetto tra musica e pubblico.

DJ RUSH
Esponente della techno mondiale, Dj Rush è originario di Chicago e ha fatto di Berlino il suo quartier generale. Il suo primo singolo risale al 1991 e da allora la sua musica smuove fan da ogni angolo del globo, combinando magistralmente i generi musicali più svariati, passando dal jazz alla disco funk, dal soul alla techno. Nel corso degli anni ha girato i dischi nei locali più famosi in tutto il mondo e partecipato ai festival più prestigiosi, tra cui Tomorrowland (Belgio), Dance Valley (Olanda), Summer Spirit (Germania). Dj Rush è anche un produttore discografico e durante la sua carriera ha dato vita ad una vera e propria rassegna musicale conosciuta con il nome di Mystery Wonderland. Alla consolle Dj Rush è vero e proprio intrattenimento in grado di smuovere mase di fan da tutto il mondo.

PHILIPP&COLE
Entrambi fiorentini, Philipp&Cole si conoscono frequentando gli stessi ambienti e stringono una forte amicizia grazie alla loro passione per la musica elettronica. Questa passione li porta a visitare i più importanti club ed i maggiori festival europei, permettendogli così di ampliare la propria cultura musicale e di importare nella scena locale nuove sonorità. La coppia Phillipp&Cole inizia così la propria carriera nel 2004, organizzando numerosi parties all’interno di piccoli club dell’interland fiorentino per poi arrivare alle rinomate serate marchiate Fragola, un’istituzione tra le party nights più influenti. Proprio qua i due solidificano la propria intesa potendo esprimere il proprio concetto di musica elettronica a 360° in maniera libera e senza limiti, arrivando ad eseguire sessioni di oltre 10 ore no stop. Col passare degli anni, acquistano un maggior valore artistico grazie al supporto offerto dallo staff METEMPSICOSI, con il quale, riescono a farsi conoscere nei migliori club ed eventi d’Italia, al fianco dei più grandi nomi della scena elettronica mondiale. In consolle Philipp&Cole riescono a completarsi reciprocamente proponendo al pubblico sonorità ricercate, senza cadere affatto in una singola etichettatura. I loro set cercano sempre di adattarsi alle circostanze pur rimanendo coerenti nel loro credo: ricerca musicale, passione e soprattutto divertimento.

RUBEN MANDOLINI
Dj, musicista e produttore toscano, si avvicina sin da giovane alla musica ed all’età di tredici anni era già immerso in tastiere e sintetizzatori e, poco dopo, alla prima consolle. Resident al Club999 di Prato, i suoi dj sets sono un mix adrenalinico di house, techno e funky grooves.

3 Commenti

  1. […] Dante postmoderno per uno spettacolo lungo 12 ore all’insegna della musica techno. Questo è “Opera Music Festival”, la manifestazione che il prossimo 7 giugno in anteprima nazionale si svolgerà a Prato, allo […]

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.