Dal 15 gennaio 1968, dopo cioè che due forti scosse di terremoto ebbero sconvolto la Valle del Belice (Sicilia), questo è tutto quello che rimane della città di Poggioreale o, meglio, della città com’era all’epoca, visto che dopo il sisma si decise di abbandonarne le rovine e costruirne una ex novo a pochi chilometri di distanza.

Il terremoto del Belisce fu il primo, grande disastro naturale del Dopoguerra: furono colpiti 14 paesi, di cui andarono distrutti quelli di Gibellina, Poggioreale, Salaparuta e Montevago. I morti furono quasi 400, gli sfollati poco meno di 100mila e i soccorsi si trovarono a dover far fronte ad una situazione mai vista prima, che si complicò ancora di più di fronte all’inadeguatezza dell’organizzazione.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.