Bulli di sapone è uno spot contro il bullismo, realizzato da Roberto Gandini e Gian Luca Rame all’interno delle attività del Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli (attività promossa e organizzata da Teatro di Roma, Roma Capitale, Assessorato Sostegno Sociale e Sussidiarietà, Ufficio Scolastico Regionale del Lazio) e in collaborazione con l’Associazione Italiana Persone Down di Roma (Aipd). A metterlo in scena, 20 ragazzi: attori, allievi del laboratorio e giovani disabili, tutti tra i 20 e i 30 anni. Il risultato: un suggestivo spot impregnato sulla frase “Il bullo non è un clown, è un pagliaccio”, che è stato proiettato per la prima volta l’11 novembre scorso in Campidoglio, davanti a una platea di studenti romani, e che dovrebbe essere imposto in ogni scuola d’Italia, a cominciare da Prato.

Il fenomeno del bullismo, infatti, resta imperante e a stupire è che lo si ritrovi sempre più spesso fra i bambini delle primarie. Chiara Buti, psicologa pratese esperta del settore, ha raccontato esattamente due mesi fa a Pratosfera quanto sia allarmante che l’età dei bulli si sia abbassata tanto: “Si contano numerosi casi persino alle Primarie, e anche nelle Primarie pratesi sia chiaro”, ha precisato, aggiungendo quanto stia dilagando il bullismo femminile, specchio dell’evoluzione della donna e della sua immagine. “Prato – ha sottolineato – ha bisogno di ricevere più attenzione su questa tematica, perché non solo incide sull’infanzia, ma andrà a forgiare i cittadini del futuro. Le intenzioni di chi se ne occupa sono sempre nobili, ma poi c’è difficoltà nel sostenerle. Non è così semplice. Sarebbe importante che l’amministrazione comunale stanziasse fondi ad hoc per martellare i nostri giovani ed evitare una degenerazione. Ci sono posti, come Lucca, per esempio, dove il Comune sta mettendo su da tempo campagne meravigliosamente utili e molto concrete perché costruttive e capillari. Potremmo fare come loro anche qui a Prato e nei comuni della provincia. Basta volerlo”.

Ed è per esempio di dieci giorni fa la notizia del bambino pratese che “voleva buttarsi dalla finestra della classe perché non ce la faceva più, perché i compagni, soprattutto durante le lezioni di un’insegnante, lo spintonano e lo prendono in giro, quando non gli rubano l’astuccio…. Abbiamo avuto la conferma del suo gesto direttamente da lui. Nostro figlio in lacrime ci ha detto che non ce la faceva più” (Fonte: La Nazione).

E resta solo da immaginare quanti casi di bullismo sommerso ci siano, quanti casi di genitori disperati che preferiscono togliere il figlio dalla scuola per evitare che soffra ancora, o che magari una denuncia possa condannarlo a ulteriori violenze e sopraffazioni. È questo il caso di un ragazzino di 8 anni, di Prato, che dopo aver subito vari episodi di violenza nei bagni o nelle ore di ricreazione ha implorato la madre di cambiargli scuola senza “fare confusione”.

Tornava a casa con i lividi, con dolori alla pancia. Con estrema delicatezza sono riuscita a farmi raccontare dei calci e dei cazzotti e in lacrime mi ha detto delle testate contro il muro che il solito gruppetto di bulli si divertiva a fargli battere – ha raccontato una madre a Pratosfera -. Ne ho parlato con la preside, con le maestre,volevo rivoltare il mondo, poi quando ho visto che non se ne usciva ho ascoltato le preghiere di mio figlio e l’ho portato in un’altra scuola senza sporgere denuncia. Certo non prima, però, di aver segnalato tutto all’Ufficio scolastico provinciale. Adesso? È finalmente sereno e non c’è mattina che non mi ringrazi per avergli cambiato scuola. Di una cosa però mi rammarico: il bullismo resta e ignorarlo non lo risolve”.

19 Commenti

  1. L’articolo è interessante e mi sembra si muova nella giusta direzione,
    ma per l’amor di dio togliete la cinepresa a chi si inventa certe
    pubblicità progresso e togliete la penna a chi si si inventa certi
    slogan. Il bullismo avviene per cause ben precise che, chissà per quale
    motivo, nessuno porta alla luce (come il fatto che la vittima non può
    cambiare ambienti e compagnia: a scuola anche il secchione è costretto
    tutti i giorni a frequentare la stessa scuola con gli stessi compagni,
    che gli piaccia o meno). Curiosamente tutte le pubblicità progresso che
    circolano sembrano ignorare questi semplici elementi di base della
    materia. E comincio a pensare che non siano solamente inefficaci, ma
    addirittura pericolosi perché generano delle aspettative sulla vita
    reale che vengono sistematicamente distrutte, lasciando le vittime
    ancora più sperdute di prima.

  2. The Absent Game

    Amongst me and my husband we have owned additional MP3 gamers over the years than I can count, which includes Sansas, iRivers, iPods (traditional & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few decades I’ve settled down to one line of players.

  3. Woman of Alien

    Excellent function you have got completed, this page is de facto great with great facts. Time is God’s method of maintaining everything from occurring simultaneously.

  4. The Birch of the Shadow

    I think there may perhaps become a several duplicates, but an exceedingly useful record! I have tweeted this. Lots of thanks for sharing!

  5. Third Flower

    My wife and that i have been now delighted that Albert could execute his studies as a result of the tips he had by means of your website. It really is from time to time perplexing to just generally be freely giving actions which some individuals might…

  6. Third Flower

    My wife and i have already been now delighted that Albert could execute his studies due to the thoughts he had by way of your web content. It is once in a while perplexing to simply generally be giving freely techniques which some individuals might hav…

  7. Third Flower

    My wife and that i have been now delighted that Albert could perform his reports as a result of the thoughts he had by your website. It’s on occasion perplexing to only constantly be freely giving methods which some individuals could have been adverti…

  8. Souls in the Waves

    Excellent Early morning, I just stopped in to visit your internet site and thought I’d say I experienced myself.

  9. The Absent Game

    Concerning me and my husband we have owned much more MP3 players over the years than I can count, which include Sansas, iRivers, iPods (basic & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few several years I’ve settled down to one line of gamers.

  10. Third Flower

    My spouse and i are now delighted that Albert could carry out his scientific studies because of the concepts he had through your web page. It really is now and again perplexing to just generally be freely giving ways which a number of people could have…

  11. The Birch of the Shadow

    I believe there could become a couple of duplicates, but an exceedingly useful listing! I’ve tweeted this. Many thanks for sharing!

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.