Da lunedì 12 gennaio ripartirà al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato il progetto ARTE X TUTTI, una serie di corsi di avvicinamento alle arti contemporanee rivolti a tutti coloro che vogliono conoscere più da vicino artisti e principali movimenti dal Novecento fino all’epoca che siamo vivendo. Un viaggio attraverso momenti esaltanti della creatività umana che hanno lasciato il segno e che possono servire ancora oggi, a vecchie e nuove generazioni, per affrontare argomenti e tematiche contemporanee. Non solo le arti visive, ma in linea con la nuova mission del Centro che lo vuole “centro delle arti”, in questa serie anche la storia della musica che saranno trattate dai relatori, suddivise per gruppi, a cadenza settimanale. Un progetto che per vastità e complessità non trova molti riscontri nella programmazione di istituzioni simili.

Con questo progetto la direzione del museo punta a riavvicinare la gente alle arti e alla cultura mentre il Centro Pecci si prepara a riaprire le porte dei suoi spazi rinnovati con mostre ed eventi presumibilmente nella prossima primavera. In questo periodo di riorganizzazione architettonica e operativa la realizzazione di questi momenti formativi per tutti ha come obiettivo principale quello di avvicinare le arti alla gente, ma allo stesso tempo fornire al pubblico le basi necessarie per avere un dialogo con il museo. I corsi di avvicinamento diventano così degli strumenti agevoli e fondamentali per la discussione futura fra l’arte, il Centro e il pubblico.

Oltre al corso di storia dell’arte contemporanea che prenderà in esame il periodo 1950-2015 (introdotto da Stefano Pezzato, e svolto da giovani esperti come Margheri, Ventroni, Bertini, Bruni, Innocenti e Gaglianò), ci saranno anche incontri di storia della musica classica contemporanea (tenuti da Batisti, Proietti e Berni) e di quella rock (Barone). Un mezzo semplice e dinamico (trattato anche con l’utilizzo di immagini e documenti audio e video) per chi aspiri a strutturare meglio le sue conoscenze in questi ambiti artistici, per chi voglia ripassare i principali avvenimenti dall’inizio del Novecento ad oggi, per chi intenda cominciare una conoscenza da approfondire poi con altri strumenti.

GENNAIO-FEBBRAIO 2015, lunedì ore 21-23

ARTE del dopoguerra, 1950-1985

12.1.2015 Stefano Pezzato
Neo-Avanguardie, Post-Avanguardie

19.1 Martino Margheri
New Dada, Nouveau Realism, Pop Art. Da Parigi a New York

26.1 Desdemona Ventroni
Minimal Art, Arte concettuale. L’arte al di la dell’oggetto

02.2 Desdemona Ventroni
Arte Povera, Process Art, Land Art. Le attitudini prendono forma

09.2 Martino Margheri
Happening, Fluxus, Performance. Corpi, azioni e situazioni

16.2 Alessio Bertini
Postmodern, Transavanguardia, Neoespressionismo. L’arte ritorna arte

Gennaio-Febbraio 2015, mercoledì ore 21-23

MUSICA rock e dintorni

28.1.2015 Giuseppe Barone
La musica che ha cambiato il mondo. Dalle origini
del rock ‘n’ roll alla British Invasion, il mito di Beatles e Stones

04.2 Giuseppe Barone
Children of the Revolution.
La Psichedelia, i grandi eventi, l’affermarsi della cultura rock

11.2 Giuseppe Barone
God Save The Queen. Il Punk, i video, la fine dell’era del classic rock

18.2 Giuseppe Barone
C’è vita dopo il digitale? La crisi dell’industria discografica
e il rock contemporaneo

FEBBRAIO-MARZO 2015, lunedì ore 21-23

ARTE a cavallo del millennio, 1985-2015

23.2.2015 Alessio Bertini
Arte fra identità e comunicazione.
Da Koons a Cattelan

2.3 Lorenzo Bruni
Al di la del muro. Arte nell’est Europa e nell’ex URSS

09.3 Lorenzo Bruni
Arte globale. Asia, Africa, Sud America

16.3 Matteo Innocenti
Arte relazionale. Estetica della partecipazione

23.3 Pietro Gaglianò
Arte pubblica. Oltre il monumento

30.3 Pietro Gaglianò
Nell’epoca di Internet. Arte e riproducibilità

FEBBRAIO-APRILE 2015, mercoledì ore 21-23

MUSICA classica contemporanea

25.2.2015 Alberto Batisti
Le ragioni di un percorso. Preludio: Debussy

04.3 Claudio Proietti
La seconda Scuola di Vienna.
Schönberg, Berg, Webern

11.3 Luca Berniù
Stravinskij

18.3 Alberto Batisti
Musica e dittatura

25.3 Claudio Proietti
Bartók, Janáček

01.4 Alberto Batisti
America

08.4 Luca Berni
Messiaen e la sua scuola. Boulez, Xenakis

15.4 Luca Berni
La scena musicale italiana nel Dopoguerra.
Da Dallapiccola a Sciarrino

I prezzi

Ogni singolo appuntamento 5 €
ARTE DEL DOPOGUERRA, 1950-1985 20 €
MUSICA ROCK E DINTORNI 15 €
ARTE A CAVALLO DEL MILLENNIO, 1985-2015 20 €
MUSICA CLASSICA CONTEMPORANEA 30 €

2 cicli su:
LA MUSICA ROCK E DINTORNI + MUSICA CLASSICA CONTEMPORANEA 35 €

Ulteriori riduzioni sono previste per i soci del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci
Ingresso libero per tutti gli studenti di ogni ordine e grado (documentati)

I corsi si svolgono nell’auditorium del Centro Pecci.

Viale della Repubblica 277 – Prato
(ingresso lato teatro / Art Hotel, fino al termine del cantiere)

Info: tel. 0574-531820 www.centropecci.it

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.