È stato presentato questa mattina a Palazzo Pretorio di Prato il progetto espositivo congiunto denominato “Jacques Lipchitz a Monaco, Firenze e Prato. Disegni per sculture 1910-1972”, visibile dal 3 marzo fino al 3 maggio a Prato e a FirenzeLe due esposizioni dedicate all’artista lituano scomparso nel 1973 occuperanno sia le sale a piano terra del museo pratese, sia gli spazi della Sala Detti del Gabinetto Disegni e Stampe e la Sala del Camino al Piano Nobile degli Uffizi.

Le opere visibili nelle due sedi illustrano un arco cronologico compreso tra il 1910-1912 circa e gli esordi degli anni Settanta, corrispondente all’intera attività dello scultore, svoltasi in un periodo storico fortemente segnato dai due conflitti mondiali e dalle nuove aperture degli anni Sessanta.

Si tratterà di due mostre nel segno di uno dei protagonisti del nuovo linguaggio figurativo sviluppatosi nella Parigi dei primi del Novecento insieme a Modigliani e Gris, ma riunite in unico progetto espositivo che prende le mosse dalla Staatliche Graphische Sammlung di Monaco dove, nella mostra allestita dal 2 ottobre al 7 dicembre 2014, era stata esposta la duplice donazione di opere su carta – oltre 60 tra disegni, acqueforti e un taccuino di schizzi – destinata dalla Fondazione Jacques e Yulla Lipchitz al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi a Firenze e, appunto, alla Staatliche Graphische Sammlung.

Nel progetto espositivo che si apre domani al pubblico, in aggiunta agli Istituti fiorentino e monacense, svolge un ruolo chiave anche il Museo di Palazzo Pretorio, che infatti conserva un consistente nucleo di opere dell’artista costituito da 21 sculture in gesso, un bronzo e da 43 disegni donati due anni fa dalla Fondazione Jacques e Yulla Lipchitz e da Hanno Mott, grazie alla preziosa mediazione del collezionista toscano Giuliano Gori.

“Due sedi prestigiose per altrettante esposizioni – sottolinea Alessandra Marino, Soprintendente ad interim per il Polo Museale Fiorentino – dedicate a un artefice protagonista del suo tempo. Ancora una buona occasione per dimostrare la capacità di istituzioni diverse di fare sistema e di mettersi proficuamente al servizio della cultura”. “Le mostre temporanee rappresentano un’occasione anche per diffondere la consapevolezza del valore della nostra collezione permanente. Il Comune di Prato è estremamente soddisfatto di questa prestigiosa occasione di scambio   – sottolinea Simone Mangani, assessore alla Cultura del Comune di Prato – un’occasione che prende le mosse, peraltro, dal nostro stesso patrimonio, dalla donazione Lipchitz giunta a Prato grazie a Hanno Mott, presidente della Fondazione Jaques & Yulla Lipchitz, nonché grazie a Giuliano Gori. È nostra ferma intenzione consolidare la politica della collaborazione con altre istituzioni ed in questa direzione stiamo lavorano con l’apporto del comitato scientifico di Palazzo Pretorio. Ringrazio il Soprintendente del Polo Museale Fiorentino e la Direttrice del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, Marzia Faietti per il lavoro congiunto di questi mesi”.

 

Un commento

  1. …Click here for or more Information

    […] What host are you the use of? Can I am getting your associate link for your host? I desire my website loaded up as fast as yours lol[…]

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.