Foto Alessandro Fibbi per Pratosfera

E’ una musica che viene dal profondo dell’anima quella di Micah P. Hinson. Ci trovate le tenebre indie-rock di Mark Lanegan, il fantasma di Johnny Cash, la poetica di Leonard Cohen e il lato bohemien del miglior cantautorato a stelle e strisce.

Voce e chitarra, un’autentica manna: si celebrano infatti i dieci anni di “The Gospel of Progress”, l’album che lo fece conoscere al grande pubblico oltre che una delle pagine più intense e poetiche del capitolo indie-folk.

L’album ricevette eccellenti recensioni dalla stampa specializzata, affascinata dalla capacità di Micah di esplorare in maniera totale la propria gamma di sentimenti. Il disco fu inserito in numerose playlist, tra cui Uncut, Time Out e The Indipendent, e raggiunse la quinta posizione nella classifica dei migliori 100 album di Rough Trade.

Lo scorso novembre “The Gospel of Progress” è stato ristampato e rimasterizzato da Talitres, etichetta che ha fatto uscire anche l’ultimo lavoro di Micah, “Micah P.Hinson and the Nothing”. La versione in vinile contiene anche la bonus track ‘Can’t Change a Thing’, pubblicata in origine sul 10” “The Day Texas Sank to the Bottom of the Sea”.

Sono passati 10 anni e “The Gospel of Progress” si conferma un lavoro straordinario, oggi più che mai.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.