Ripartono i tour di “That’s Prato”: da domenica 6 settembre e per 8 settimane saranno riproposti gli itinerari del progetto che nei mesi scorsi ha portato a Prato 370 visitatori. Sono 5 gli itinerari diversi che vengono riproposti per stimolare fiorentini e turisti a venire a scoprire “la Prato che non ti aspetti”. Questo è il progetto That’s Prato, che propone una serie di visite guidate che partiranno ogni domenica da Firenze per raggiungere luoghi diversi del territorio. Bellezze artistiche, storia, ma anche shopping, in un mix studiato per rendere piacevole la gita domenicale.

“L’intesse mostrato nei confronti di questa iniziativa è davvero sorprendente – commenta il presidente della Camera di Commercio di Prato Luca Giusti – Grazie alla collaborazione con tutti i Comuni riusciamo a proporre ogni domenica un itinerario che mette insieme storia, arte ma anche buona cucina e artigianato. Gli itinerari sono una chiave di lettura per conoscere Prato e le sue storie, che incontrano sempre tanto interesse: turisticamente abbiamo grandi potenzialità da esprimere”.

That’s Prato è un progetto pilota per la valorizzazione dei beni artistici e delle produzioni tipiche e per la promozione turistica della provincia di Prato, nato dalla collaborazione con il Progetto Prato della Regione Toscana con la Camera di Commercio e con tutti i Comuni del territorio.

GLI ITINERARI Domenica 6 settembre si riparte con “L’arte a tavola nel Rinascimento”: il cibo e la pittura, un binomio di grande attualità, soprattutto in tempi di Expo. Partendo dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano, dove è prevista anche la visita alla mostra “Nelle antiche cucine italiane”, allestita all’interno della villa e nelle cucine medicee.. Nel pomeriggio l’itinerario prevede poi la visita del Duomo di Prato e dei dipinti di Filippo Lippi.

Gli altri itinerari sono: “Tra arte contemporanea e archeologia industriale”; “Quando c’erano gli Etruschi”; “Per ville e castelli alla ricerca delle principesse”; “Il viaggio dei pellegrini”.

COME ADERIRE Le visite sono gestite con un servizio di autobus con accompagnatore che parte alle 9 dalla Stazione Santa Maria Novella, dove si farà ritorno la sera alle 19. Il servizio è gratuito, sono a pagamento solo le entrate ai Musei. Le visite vengono effettuate in italiano e inglese; i posti sono limitati e quindi è obbligatoria la prenotazione, che può essere effettuata alla mail thatsprato.com oppure tramite telefono al 328 0021009. Il pranzo è libero, ma saranno indicati dei bar e dei ristoranti in convenzione per chi fosse interessato.

Le visite sono organizzate dall’associazione FareArte con la collaborazione del Cdse. Durante gli itinerari sono presenti, a turno, anche due ragazzi dell’indirizzo turistico dell’Istituto “Gramsci-Keynes”, che fanno servizio di accompagnamento.

Ogni informazione è presente sul sito www.thatsprato.com.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.