Blender, il cocktail (e fruit) bar di via Garibaldi, apre una sala al primo piano e diventa anche un bistrot. “L’idea è quella di cominciare ad offrire qualcosa da mangiare ai nostri clienti in un contesto con caratteristiche originali” racconta il titolare Luca Santeramo, pratese di 32 anni.

Blender_Prato_3Al primo piano, sopra il locale, aprirà quindi dalla metà di ottobre una saletta (circa 30 posti a sedere) dove verranno proposti cibi di qualità e accostamenti particolari tra cocktail e cibo. “Nel nostro menù saranno presenti accostamenti tra cibo e cocktail ma anche molto altro – spiega Santeramo – offriremo una vasta gamma di affettati di alta qualità, dei formaggi italiani e stranieri e piatti caldi stagionali, come per esempio la zuppa di cipolle e di cavolo nero oppure dei classici come il baccalà in inzimino fino a cose più ricercate come il “tonno del chianti”.

L’apertura della sala bistrot coincide con una ristrutturazione interna di Blender. Al piano terrà, la prima sala rimarrà il luogo privilegiato per i cocktail e i frullati, mentre la seconda sarà a servizio del bistrot, al quale si accederà attraverso una scaletta interna (la sala si affaccia sulla corte interna dell’edificio).

Attenzione però: per poter salire nel bistrot di Blender occorrerà prenotarsi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.