Lo scrittore israeliano David Grossman e il collega cileno Luis Sepulveda saranno tra i protagonisti del nuovo ciclo di incontri organizzato dal museo Pecci che si chiamerà “Uomini in guerra”.

Il mondo è di nuovo in guerra – si legge nella stringata nota stampa allegata al programma del Forum per l’arte contemporanea italiana cominciato oggi – Gli echi di questo sconvolgimento epocale non sono lontani, anzi ne siamo investiti con l’ondata di rifugiati e migranti a cui l’Europa non sa dare una risposta. Nel cuore del nostro continente sta rinascendo la xenofobia, il razzismo, l’odio per l’altro e ad un’intera categoria di essere umani, dichiarata “clandestini”  […] vengono negati i più elementari diritti.

[…] Il centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci – prosegue la nota – ha deciso di dar luogo a una serie di conferenze con scrittori, artisti, pensatori che ha come tema “uomini in guerra”. Interrogheremo […] sulle risposte da dare agli interrogativi che ci poniamo, non solo sulla politica e cultura, ma anche sul senso stesso delle nostre vite”.

Il primo appuntamento del ciclo coordinato da Wlodek Goldkorn è previsto per il 13 ottobre, alle 18, con la poetessa e scrittrice libanese Joumana Haddad. A seguire, il Pecci annuncia anche la partecipazione di Luis Sepulveda, David Grossman, sul cui arrivo a Prato però, per il momento, non si conoscono altri dettagli.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.