Più o meno due generazioni. Tanti sono i pratesi passati dalla libreria per ragazzi “Il Gufo” di via Tintori nei suoi 33 onorati anni di carriera. Ma dalla fine del 2015, la libreria indipendente per ragazzi chiuderà i battenti. Colpa della crisi dell’editoria italiana che “ha finito per colpire anche il settore piccolo ma resistente della letteratura per ragazzi” spiega Simonetta Pasquini, storica titolare, e colpa anche di altri fattori. “Certo la spudoratezza di spacciatori e tossici degli ultimi anni non ha aiutato – aggiunge – ma questa parte di centro storico è sempre stata poco considerata, nessuno ha mai fatto nulla per tirarla un po’ su, tanto che mi sono sempre dovuta pulire la strada di fronte al negozio da sola, tutte le mattine. Chiudere in questo modo, dopo tanti anni, è un po’ una sconfitta”.

libreria_gufo_2Dopo la chiusura della libreria “Al Castello”, se ne va così un’altra realtà indipendente del centro storico. “La verità è che c’è stato un impoverimento culturale – aggiunge Marta Baroni, l’altra titolare – le famiglie hanno cominciato a risparmiare anche sui libri per ragazzi, in una città che è da tempo in fondo alle classifiche italiane per quanto riguarda la lettura. Il libro insomma è diventato superfluo”.

Superando la porta del “Gufo”, in questi giorni, il silenzio è assordante.   “Abbiamo cominciato a chiudere i rapporti con i fornitori e a sistemare tutto il necessario – aggiunge Simonetta – la gente viene come sempre e non sono state poche le dimostrazioni d’affetto nei nostri confronti. Dalla fine dell’anno però, farò la nonna in modo definitivo”.

5 Commenti

  1. Ehhh che problema c’è!! S’affitterà ai nigeriani o pakistani!! Almeno oltre che in Via piercironi si accoltellano anche un pò lì!

  2. Vabbe’, pace. In citta’ c’e’ un gran fermento culturale e il centro comunque sta vivendo di una nuova splendente vita. Urra’.

  3. la crisi dell’editoria?il fatto è che amazon ti vende un libro a meno e te lo porta a casa,io vado sporadicamente alla bilbioteca di prato e pistoia, c’è anceh la possibilita di avere libri da altre biblioteche d’italia.perchè dovrei andare in centro al gufo a pagare di piu?io ci sono stato ma nel 900,quando non c’erano smartphone e internet(o almeno ce l’avevano in pochi)è colpa del degrado cittadini che il niccoli ha chiuso?prima un disco lo pagavi 30000 lire.adesso lo scarichi.a meno che non mi piaccia e allora lo compro.ma lo prendo da amazon.

  4. il Gufo è legato alla mia infanzia..mi ricordo la bellezza di tutti quei libri colorati e quanto desideravo comprarli tutti..si doveva scegliere e tu da bambino vedevi tutto così grande, tutto così solido. E’ l’unica libreria che mi è rimasta nei miei ricordi. Mi spiace che chiuda un palloncino legato alla felicità di bambino. Un abbraccio e sopratutto…GRAZIE!

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.