GIOVEDI’ 28

Cycle: Aversions crown+A night in Texsas+WormHole+Rings of Saturn+Human Improvement Process

Allora, gli Human Improvement Process e i WormHole sono gli unici italiani della banda, gli altri vengono tutti dai lontani Stati Uniti d’America. Metal alieno (no, giuro, sul serio), aliencore (giuro, di nuovo), estrema cattiveria da Brisbane, death metal, Ufo.

Largocarducci: Alessandro Fiori

Inizia una nuova stagione di concerti al Largocarducci curata dalla Millesseidischi stasera, con Alessandro Fiori, che oggi si divide tra tanti progetti (tra cui gli Stres e i Bettibarsantini) ma presto farà uscire un nuovo disco solista. Chissà che non ci scappi qualche pezzo inedito.

VENERDI’ 29

Capanno BlackOut: Mar.Nik+Luca Di Venere

House, deep house e techno house. Un sacco di house. In pratica, house.

Exenzia: Motorhead tribute con Motormad

L’Exenzia tributa il dovuto onore a Lemmy Kilmister, leggendario bassista e cantante dei Motorhead portato via dal cancro a fine 2015. Ingresso gratuito, col banchino della LILT per la raccolta fondi contro il cancro.

Camelot 3.0: A Caustic Trio
Un trio acustico da Seattle (o da Vaiano?): camice a quadri, birra in mille modi e chitarroni.

H2NO: Vorrei prendere il treno

Seratone all’H2no, con Iacopo Melio e Lorenzo baglioni: Vorrei prendere il treno è l’associazione fondata da Iacopo Melio, che cerca di far capire a noi testacchioni bipedi quando sia dura per qualcuno che magari è in carrozzina spostarsi liberamente da una parte all’altra e aggirare le barriere architettoniche. I treni sono un casino anche se li puoi rincorrere, figurati quando non puoi. E i gradini. Tipo, la sede del PD in centro: l’avete mai vista? Messner avrebbe delle difficoltà a raggiungere gli uffici. Poi, Lorenzo Baglioni e la sua bandaccia presenteranno lo spettacolo Selfie.

Cycle: I set my friends on fire+Rosedale+Confessions of a traitor+Traveller’s tales+Praise the silence

Hardocre, metal, roba da skater americano, cappellini, do it yourself, chitarre distorte, gente che poga e…aggressive pop. Un’altra serata con un sacco di ospiti americani per i Cycle.

No Cage: Nice to beat you+Synapse

Le tribute band dei Beatles e dei Pink Floyd per una serata all’insegna degli anni ’60. E ’70. Certo.

SABATO 30

Capanno BlackOut: Bunuel

Un supergruppo che più supergruppo non si può: Capovilla e Valente del Teatro degli orrori, Irondo degli Afterhours e Robinson degli Oxbow. L’otto gennaio è uscito il loro primo lavoro, A resting place for strangers, per La Tempesta prodotto da Giulio Ragno Favero. Nove pezzi, furia da affogarci dentro.

Cycle: The PrisonersVsHeptagram 

Serata tribute al Cycle: i The Prisoners, tribute band degli Iron Maiden, contro gli Heptagram, che omaggio i Blind Guardian. Chi vincerà? Boh?

H2NO: Filarmonica Municipale La Crisi

Il loro primo lavoro, Educazione artistica, è stato candidati come miglior disco alla selezione Targa Tenco 2014, hanno suonato con Nada, Paola Turci, Alessandro Fiori, Tricarico e Zen Circus, e il loro ultimo disco, Sento cadere qualcosa, è uscito a primavera 2015 prodotto proprio da Alessandro Fiori. Certo, il nome è magnifico.

Spazio Aut!: Corde Doppie

Duo acustico con basso, chitarra e voci. E cabaret. E, pare, cenci di carnevale.

Ex chiesa di San Giovanni: Christopher Paul Stelling

Cantautore americano inserito da Rolling Stone fra i “ten artists you should know”, e quindi toccherà andare a vederlo. Country, blues, flamenco e banjo, per non farsi mancare nulla. Aprirà anche per Ben Harper. Hai detto poco.

Exenzia: Grave digger+Adamas+Etrusgrave

35esimo anniversario per i Grave Digger, ormai una certezza del panorama power metal. In apertura, Adamas e Etrusgrave.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.