In un villaggio dell’Africa per una volta abbastanza lontana da guerre e miseria crescono due fratelli che poi partiranno alla volta dell’Italia sulle tracce di Miriam, una loro amica…

Se dovessi scrivere che “Il bambino magico” di Maria Paola Colombo è un grande libro, mentirei. A parte la copertina completamente fuori contesto (non c’entra veramente nulla), la terza e ultima parte poteva essere serenamente omessa, e anche la seconda ha qualche passaggio troppo gracile. Eppure, va letto.

E i motivi per leggerlo sono molteplici, alcuni oggettivi, come il punto di vista differente che regala, la bellezza del racconto raccolto nella prima parte interamente ambientata in Africa; o la delicatezza dello stile, che nei punti più alti diventa vera grazia e mai scade, al massimo si fa troppo veloce col fiato corto ma è un limite che si supera volentieri.

La voglia di stare accanto a Gora non vi lascerà mai, l’ammirazione per la saggezza limpida e lieve del loro popolo vi farà sbottonare almeno un po’ d’ipocrisia d’ordinanza e la loro storia comunque alla fine vi stupirà.

Io l’ho divorato.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.