Aveva iniziato nel 2005 con un album ispirato ai film polizieschi anni ’70, con il nome che da cui prende vita il progetto. Bologna Violenta è il polistrumentista trevigiano Nicola Manzan, diplomato in violino. Classe 1976, il suo è un genere che spazia dal noise, al metal d’avanguardia fino all’industrial e alla musica classica. Negli anni lo stile ha assunto diverse sfumature passando dal cosiddetto “mondo-movie”, un genere cinematografico simile al documentario, che troviamo nell’album Il Nuovissimo Mondo, per abbandonare ogni tipo di citazione per dedicarsi a tanti generi diversi che esprimono il vasto background musicale di Manzan (Utopie e Piccole Soddisfazioni), fino a Uno Bianca, un concept album del 2014 che ripercorre i crimini commessi dalla famigerata banda attiva a Bologna tra gli anni ’80 e i primi ’90. Nicola Manzan ha fatto numerose collaborazioni e ha suonato con Baustelle, Teatro Degli Orrori. Tra i contributi in studio: Paolo Benvegnù, Zen Circus, Lo Stato Sociale, Luminal, più recentemente Menace (con membri di Napalm Death, Dragonforce e Hate Eternal) e Jesu (progetto di Justin K. Broadrick dei Godflesh).

L’11 aprile è uscito il nuovo album Discordia. Per il Discordia Tour 2016 l’unica data in Toscana è a Prato. L’appuntamento è venerdì 15 aprile al No Cage, viale Borgo Valsugana 198, ore 22.

Anteprima www.saladdaysmag.com

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.