Arrivano a Prato dalle periferie o dalle metropoli americane e si ritrovano a dover fare i conti con piccoli ma significativi shock culturali. Sono gli studenti della University of New Haven, che si appresta a celebrare la quarta edizione di Prato Campus Week. Chi sono questi studenti, cosa trovano a Prato e come vivono la città che li ospita?

La loro permanenza in Italia coincide con frequenti tour in giro per l’Europa durante i fine settimana. Per alcuni di loro questa è un’occasione irripetibile di girare il mondo e non vogliono certo lasciarsela scappare. Anelia, per esempio, è a Prato da due mesi e nella sede di piazza San Francesco ci spiega che è in città per studiare psicologia e che Boston, la città da dove viene, è “un posto frenetico, dove fai fatica a star dietro a tutte le cose che succedono”. Niente a confronto di quello che ha trovato a Prato, “una città bellissima, dove sei circondata dalle opere d’arte”, spiega. Claudio invece, il laureando in Scienze Politiche all’università di Firenze che ci aiuta con la traduzione, viene dall’Abruzzo e a Prato c’è capitato per caso, per sostenere un tirocinio di 150 ore. “Non avevo mai messo piede a Prato – racconta – non ne conoscevo il centro e devo dire che alcune strade sono bellissime”.

“Ogni edificio è vecchio, ha una storia – dice invece Hete, 20 anni, che studia chimica organica e viene dal Connecticut – e poi ci sono le persone. Una volta per esempio, finito di cenare in un ristorante, ci siamo resi conto che pioveva a dirotto e che non avevamo l’ombrello. Allora il proprietario del ristorante ci ha prestato il suo e noi siamo potuti tornare a casa – conclude – Cose impensabili in America”. “Mi piace la cultura, il modo di vivere che ho trovato e mi piace anche come le persone si rivolgono a me, nonostante sia difficile socializzare davvero con i locali – aggiunge Anelia – nelle scuole invece, durante il nostro programma di scambio linguistico, le cose sono un po’ più facili”.

A sentir parlare gli studenti della New Haven, Prato è un piccolo scrigno di meraviglie. E questo succede nonostante siano ben informati su quello che succede in città, sulle strade da non frequentare e su tutti le cose peggiori che possono capitare ad uno studente straniero a Prato.  “Non mi sono mai trovata in situazioni spiacevoli – ammette Anelia – certe zone poi le evitiamo, come per esempio la stazione centrale, ma non mi sono mai sentita in pericolo”. “E’ tutto pulito – dice un po’ stupita Hete –  C’è polizia ovunque”. Chiediamo anche a Claudio, il nostro interprete, se Prato gli è mai sembrata una città pericolosa da qualche punto di vista. “Ho girato abbastanza a lungo la città, a piedi soprattutto ed è chiaro che in certi luoghi, come per esempio la stazione centrale, bisogna stare attenti – conclude – ma è una cosa normale. Avete presente le stazioni di Roma?”.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.