Si chiama “Cintola ad alta velocità” (CAA) ed è il progetto con cui, primo in Toscana, il museo di Palazzo Pretorio permetterà agevolerà la fruizione delle proprie opere alle persone con disabilità cognitive (autismo, dislessia, disgrafia), a bambini normodotati in età prescolare o a bimbi stranieri che devono ancora approcciarsi alla lingua italiana e agli adulti con patologie che inibiscono la capacità di lettura e comprensione.

Dal prossimo 8 settembre, la sala dedicata alla Sacra Cintola di Palazzo Pretorio sarà visitabile anche attraverso nuovi strumenti per la comunicazione aumentativa alternativa (CAA) e per la lingua dei segni (LIS).

 

Le barriere in cui spesso s’imbattono i visitatori dei musei non sono solo architettoniche ma anche culturali e linguistiche. La sfida è stata quella di trasferire nei simboli utilizzati dalla comunicazione aumentativa alternativa (PCS) le didascalie dell’opera di Bernardo Daddi, collocata al primo piano del Museo: simboli e immagini per semplificare l’accessibilità della sala dedicata alla Sacra Cintola. I contenuti illustrati in CAA verranno  caricati sui mini iPad in dotazione per i visitatori.

“La parola chiave è accessibilità – spiega in una nota Erica Peron, responsabile organizzativo del progetto per CoopCulture – e non a caso il nostro progetto s’intitola “Cintola ad Alta Accessibilità”. In accordo con la direzione del Museo abbiamo voluto che la predella di Daddi fosse la prima opera a dotarsi di questi nuovi strumenti. Continueremo a proporre che le opere del Museo vengano tradotte in CAA ed eventualmente anche in LIS”. “Vogliamo che questi linguaggi escano dalle stanze della riabilitazione, entrino nelle scuole e nei musei” ha poi aggiunto la logopedista Sara Corsini (Usl Toscana Centro)  e socio di Isaac Italy, annunciando come nel 2017 si terrà proprio a Prato il congresso mondiale  dell’istituto internazionale che si occupa di comunicazione aumentativa alternativa.

“Per ampliare ulteriormente le possibilità comunicative sempre in un’ottica di didattica inclusiva – si legge ancora nella nota – viene data ai bambini non udenti la possibilità di accedere alla spiegazione della predella trecentesca nella lingua dei segni italiana grazie a un cortometraggio in LIS realizzato con il supporto tecnico del regista Corrado Deri e l’intervento di un interprete Ens (anche il video sarà disponibile sugli iPad del Museo).

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.