In assenza – a Prato – dello splendido THE ASSASSIN di Hou Hsiao-Hsien il film della settimana è CAFE’ SOCIETY.
Che è un Allen leggero, ma tutt’altro che superficiale (no, siamo lontani dal pur grazioso Scoop), retrò ma non calligrafico come Magic in the Moonlight. Tra le ultime opere “diversamente pessimiste” o “più leggere” anzi, ci è sembrata una delle migliori, una tra le poche avvicinabili per spessore e senso alle commedie tragiche che hanno segnato l’andirivieni alleniano degli ultimi anni (un anno cupo / un anno più solare) che da quel film bicefalo che era Melinda e Melinda sembra segnare il suo cinema. Ed è altrettanto abituale l’alternarsi di bellezze bionde ( Blake Lively) e brune (una Stewart che Assayas ha definito “la miglior attrice della sua generazione”), attori di razza e paesaggi meravigliosi. Potrà deludere chi cerca la battuta diretta rispetto all’intreccio lubitschiano raffinato, ma è senz’altro sincera la vena malinconica del racconto, cosa non sempre scontata.

Da recuperare anche INDIVISIBILI. De Angelis si era già distinto con Perez. Qui tenta una via tra il surreale alla Ferreri e il racconto freak post-garroniano. Certi simbolismi sono da cinema festivaliero, Napoli ormai è un marchio. Ma di questi tempi un film così è prezioso.

Piuttosto penoso e troppo fuori tempo massimo BRIDGET JONES’BABY, nonostante gli sforzi produttivi e il cast messo in campo.

Sprecatissimo e barbosissimo pure il nuovo BEN HUR, fallimentare nel tentativo di aggiornare i fasti del peplum.

Stendiamo infine un velo pietoso su AL POSTO TUO del pubblicitario Max Croci. Classico scambio di vita, gravato dall’incapacità attoriale della coppia Angiolini / Argentero, ambizioso negli obietivi (i richiami alla screwball comedy), disastroso nei risultati (una fiction televisiva senza alcuna ambiguità e disposta ad abbassare continuamente il livello in nome del compromesso).

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.