In occasione della Giornata del Teatro 2016 il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, sabato 22 ottobre dalle ore 17, presenta una serie di performance site-specific in dialogo con le opere della mostra La fine del mondo. Nel biglietto di ingresso alla mostra (10 euro), sarà compreso anche l’accesso all’evento. Il primo appuntamento con la danza contemporanea al Pecci si intitola “The Ultimate Gesture #1”.

Company Blu
STUDIO DAVANTI A UNA TESTA
di e con Claudia Catarzi
Studio davanti a una testa si interroga, attraverso l’opera di Amedeo Modigliani, sull’unità anatomica che è sede della mente e dell’emozione, osservata non come parte di sé ma come alterità. L’opera è vista da fuori, esterna eppure in costante rapporto con chi l’osserva: così la danza esplora quella distanza nella quale si realizza l’incontro tra scultore e scultura.
Lavoro nato all’interno del progetto UMANO / CANGO di Virgilio Sieni.

Sosta Palmizi
SECOND EARTH
di e con Olimpia Fortuni e Cinzia Sità
“Come viewers, entreremo e attraversermo quello spazio, faremo noi per prime esperienza sensoriale di quel luogo, e sarà la prima fase propedeutica di conoscenza e incontro (al buio) con l’opera stessa. Nella seconda e ultima fase di azione, alla fine del percorso, l’atto performativo ci vedrà approdate in una seconda terra, diversa opportunità, che la natura ci offre di essere materia nella materia, in pace e non in guerra, in attesa di nuovi viewers.”

Compagnia Giardino Chiuso
BIANCHISENTIERI
ideazione Tuccio Guicciardini, Patrizia de Bari
coreografia Patrizia de Bari
interpreti Marcella Cappelletti, Melissa Cosseta
costumi Rosaria Minneci
La performance indaga, con suggestioni visive e sonore, i temi della conservazione e della trasmissione, attraverso la memoria, della conoscenza. La trasposizione attraverso un’immagine surreale darà vita ad un “animale” raro, forse già scomparso, che si trascina un abito costruito con pagine di libri oramai dismessi, pronti per il macero, come simbolo della memoria del passato e depositari del sapere. Le tracce lasciate dal passaggio prenderanno forma, come nei sogni, assumendo una fisionomia concreta; rinasceranno desideri, curiosità e voglia di conoscenza. Bianchi come i fogli e Sentieri come i solchi della scrittura, fonte primaria della trasmissione e del sapere.

Compagnia Simona Bucci
HEAD ON CAI GUO QIANG /VERSO LO SCHIANTO
di e con Anna Balducci
Muoversi eroicamente verso il forte impatto con muri invisibili.
Cadere e tornare al punto di partenza per ricominciare la corsa in una ostinata ripetizione degli errori. Un costante ciclo che ripetendosi crea solchi profondi.
L’opera di Cai Guo Qiang diventa una opportunità d’indagine sulla natura umana attraverso la presenza di questi corpi di animali pieni di forza e determinazione, impregnati di una volontà distruttiva che, a discapito della propria vita, non permette loro di accettare o vedere un’altra via.

ALDES
BLINDE DATE
di e con Giselda Ranieri
musica dal vivo eseguita da Emanuele Parrini (violino)
Un salto nel buio, un incontro senza pre-concetti e pre-definizioni. Un corpo che aspetta di essere suonato dal giusto tocco di corde. Due strumenti (un corpo e un violino) per una sola piece da camera.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.