Ogni mattina, italiani e cinesi arrivano ai giardini di via Colombo per praticare all’aria aperta il Tai Chi, meditazione, danze cinesi. Domani, 30 ottobre, cade il decimo anniversario della nascita dei giardini di via Colombo e per festeggiarlo, dalle 8,30 alle 11, è stato organizzato un evento aperto a tutti coloro che vogliono conoscere i giardini e le attività che vi si svolgono alla presenza del maestro Marino, il maestro Franco Cai e il Gruppo Giardini D’Oriente.

“Gli spazi verdi urbani dell’area Macrolotto Zero – si legge nella presentazione – rappresentano un luogo storico e politico proprio di una cultura urbana alternativa, all’interno di un contesto di cittadinanza vulnerabile e in conflitto. L’iniziativa celebra un percorso storico di iniziative quotidiane, sportive e culturali, e vuole festeggiare lo svilupparsi di relazioni interculturali positive fondate sul territorio e sulla condivisione degli spazi verdi urbani”.

“Il Gruppo dei Giardini di via Colombo è partecipe di un processo di co-progettazione attiva  da cui sta prendendo forma una raccolta di riflessioni e racconti sull’esperienza del Taichi ai giardini, intitolata “Giardini d’Oriente: colori, musica, danze e racconti sotto l’Abete gigante”. Il percorso di relazione – si legge ancora nella nota – si inserisce nel Progetto Giardini Comunicanti, già iniziato nel 2014, attraverso la mediazione sociale e interculturale del Laboratorio Forma Mentis del PIN di Prato e della collaborazione del Comune di Prato”.

Per l’occasione, il 30 ottobre sarà presentato anche il progetto artistico “Ventaglio di relazioni”del duo Simoncini – Tangi, un ventaglio in legno e carta di circa 2 mt (ancora in fase di realizzazione).

Il gruppo “Giardini d’Oriente” è composto da Dalila De Pasquale,Giuseppe Campagnoli, Rossella Foggi, Loredana Giarracca, Isabella Migliorini, Daniela Simoncini, Franco Vignolini.

Per info. Dalila De Pascale 380 183 3333

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.