the first shot

Arriva al cinema del Centro Pecci, in prima toscana giovedì 29 marzo, “The First Shot”, documentario firmato da Federico Francioni e Yan Cheng.

Il documentario, che ha vinto il premio Lino Micciché alla 53° Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, “racconta, senza filtri, ma in modo potente e coraggioso, la Cina di oggi affidandosi allo sguardo di tre ragazzi nati dopo la rivolta di Piazza Tienanmen (1989) – si legge nella presentazione – che mise in crisi il governo cinese attraverso la partecipazione di massa alla protesta da parte di operai e intellettuali”.

“Il film – si legge ancora – è la storia di due ragazzi e una ragazza (Peng Haitao, Liu Yixing e You Yiyi) che cercano nel loro paese di trovare una propria strada espressiva, di legare tra loro i fili della memoria e di ritrovare un senso umano, prima ancora che politico, alla realtà che vivono. Tre storie che non si incrociano mai ma descrivono una nazione sospesa fra il progresso economico e le contraddizioni sociali e politiche”.

Dopo la proiezione il regista Yan Cheng si confronterà con il pubblico presente in sala. Inizio proiezione ore 21,15. Ingresso 4,5 euro.

Yan Cheng (Cina 1991) ha studiato storia e antropologia negli Stati Uniti e proseguito la sua formazione al Centro Sperimentale di Cinematografia. Autore di diversi cortometraggi in Cina, Stati Uniti ed Europa, ha sviluppato la sua ricerca nel cinema, nella fotografia e nell’arte contemporanea. Oltre a Tomba del Tuffatore (2016), insieme a Federico Francioni ha realizzato il lungometraggio documentario The First Shot (2017), girato in Cina. Dopo un anno trascorso ad Atene, attualmente vive a Pechino e lavora come freelance nel campo del documentario.

Federico Francioni (Italia 1988) si è diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia, dopo una laurea in Storia del Cinema conseguita con una tesi su Otar Iosseliani. Tra il 2010 e il 2013 frequenta i corsi di sceneggiatura e regia “Tracce”. Negli ultimi anni si è occupato di documentario e Cinema del Reale. Dopo i film realizzati con il collega Yan Cheng (Tomba del Tuffatore, 2016; The First Shot, 2017), ha frequentato gli Ateliers Varan e ha avviato un nuovo lavoro documentario in Francia. Per la casa editrice Artdigiland ha curato una monografia sull’opera del regista francese Eugène Green.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.