misteri e manicaretti del territorio pratese

Il mondo del tessile, il Pecci, il Bisenzio, il Castello dell’Imperatore, la Pieve di San Vito, Villa del Barone, la villa Medicea di Poggio a Caiano e tanti altri luoghi simbolo del territorio pratese fanno da sfondo a sedici racconti polizieschi e del mistero in cui si incontrano, in un amalgama di suspense, gusto e cultura, prodotti e ricette tipici del territorio.

Sono questi gli ingredienti di “Misteri e Manicaretti del territorio pratese” (collana Brividi a Cena, Edizioni del Loggione), antologia curata da Luca Martinelli nata grazie alla creatività di diciotto scrittori e arricchita dal contributo di chef e maestri pasticceri che regalano ai lettori una loro ricetta della tradizione, a volte reinterpretata, o una nuova ricetta inventata per utilizzare un prodotto tipico.

L’antologia, che ha il patrocinio del Comune di Prato, è stata presentata ieri sera, in occasione di EatPrato al Giardino Banci Buonamici, durante lo show cooking di Paolo Sacchetti “La pesca di Prato, delizia pratese”, protagonista di uno dei racconti del libro.

L’antologia propone quattro racconti ambientati nel comune di Prato e due racconti ambientati in ognuno degli altri comuni della provincia: Cantagallo, Carmignano, Montemurlo, Poggio a Caiano, Vaiano e Vernio.

Tanti gli autori che si sono cimentati, alcuni per la prima volta, con il genere giallo: Luca Martinelli, che è anche il curatore dell’antologia, Fausto Bagattini, Filippo Cardini, Giuliana Giovannelli e Pier Luigi Scarselli, Silvia Grifoni, Lidice, Laura Nardi, Ambra Pellegrini, Tommaso Santi, Enrico Solito, Enrico Tordini, Sauro Venturini degli Esposti.

A loro si aggiungono alcuni scrittori emiliani della scuderia delle Edizioni del Loggione: Lorena Lusetti, Simone Metalli, Fabio Mundadori, Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi.

Per le ricette hanno contribuito: i maestri pasticceri Paolo Sacchetti e Luca Mannori, il biscottificio Mattei, lo chef Daniele Mordini della Locanda Villa Scarfantoni di Montemurlo, ristorante La Taverna della Rocca di Montemurlo, l’Hotel Ristorante Margherita di Montepiano, Il Ghirighigio di Migliana, il Megabono di Prato, la Pizza del Masini di Prato, il ristorante Il Falcone di Poggio a Caiano, la Fiaschetteria Enoteca Ristorante Il Mulino di Poggio a Caiano, il ristorante La Castagna di Migliana, il Panificio F.lli Gualtieri di Montepiano e ristorante Stefanacci Cristiana di Vernio.

A partire da settembre si susseguiranno le presentazioni in librerie e cene a tema, con la presenza degli autori dei racconti, in ristoranti del territorio.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.