Il teatro Fabbrichino di Prato ospita in prima assoluta Happy hour, nuovo lavoro di Cristian Ceresoli, da martedì 30 ottobre a domenica 4 novembre.

Cristian Ceresoli, recuce del successo de La Merda, ha iniziato a lavorare a Happy Hour già nel 2007: il nuovo spettacolo è “una partitura letteraria per un concerto a due voci”. A parlare sono due bambini sui tredici anni, abitanti di una metropoli che potrebbe essere Milano, Londra o qualcosa di simile.

Silvia Gallerano è Ado, una ragazzina affamata d’amore, mentre Stefano Cenci è suo fratello Kerfuffle. Alla regia troviamo Simon Boberg, regista danese già direttore della produzione teatrale e televisiva di La Merda nel suo paese. L’umanità di Happy hour ricerca la felicità in modo ossessivo e quasi disperato, e i due piccoli protagonisti ci si trovano dentro, osservando la loro città correre loro intorno a un ritmo vorticoso, vittima della “dittatura della felicità”.

Happy Hour è dedicato a Dolce&Gabbana, secondo Ceresoli fra i massimi esponenti di questa “dittatura”: ” C’è un Dio che è costruito a immagine e somiglianza di Stefano Gabbana – spiega Ceresoli – Non voglio però apparire moralista o post-ideologico: in qualche modo sono personaggi di quella che rimane una poesia, un manifesto, un affresco. La loro figura coincide, in Happy Hour e nella mia scrittura, con una divinità, che viene idolatrata e che in qualche modo decide della vita delle altre persone”

Lo spettacolo andrà in scena alle 20,45 nei giorni feriali, alle 19,30 sabato 3 novembre e alle 16,30 domenica 4. Venerdì 2 novembre è inoltre previsto il secondo incontro del ciclo Lo spettatore attento: Cristian Ceresoli, alla fine dello spettacolo, condurrà il critico Alessandro Iachino a un confronto su spettacolo, urgenze creative, poetica e pratica teatrale.

Biglietti acquistabili direttamente sul luogo dello spettacolo, dai 10 ai 15 euro.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.