Ferite a Morte - Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne
Ferite a Morte - Teatro Metropopolare

Domenica 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, in città tanti saranno gli appuntamenti organizzati dal Comune di Prato insieme ad altri partner, dal 23 al 29 novembre.

Venerdì 23 novembre alle 17,30 si inizia con l’inaugurazione della mostra fotografica di Stefano Baroni “Vivacità della Grazia” allo spazio Valentini di via Ricasoli.

Sempre venerdì 23, in Via delle Gardenie, 2 (ex Kolosseum) andrà in scena lo spettacolo Teatrale “L’Arte.Mi.Sia Gentile”, la storia di Artemisia Gentileschi, a cura del Gruppo Legalità e Cittadinanza del Liceo Copernico di Prato.

Sabato 24 a Palazzo Pretorio – alle 17 – Teatro Metropopolare porterà in scena il reading “Ferite a morte”, tratto dal Libro di Serena Dandini. Il testo è un’antologia ironica e tagliente di monologhi che danno voce ad un immaginario racconto postumo delle vittime. Saranno coinvolti nelle letture anche il Sindaco Matteo Biffoni, la presidente provinciale ANPI Angela Riviello, la Presidente del Consiglio Comunale Ilaria Santi e l’Assessore alle Pari Opportunità Mariagrazia Ciambellotti. Ingresso libero

Sempre sabato 24 alle 21,30 al Teatro Metastasio è in programma il concerto di Nada. Una serata particolare in cui l’artista sarà accompagnata da Andrea Mucciarelli, talentuoso chitarrista della scuola jazz/blues senese suonerà brani come “Il porto di Livorno” (di Piero Ciampi), e tanti suoi successi, dalla popolare “Ma che freddo fa” a “Amore disperato”, Il cuore è uno zingaro, fino ai brani degli album più recenti come “Guardami negli occhi” “Luna in Piena e Senza un perché”, colonna sonora della nota serie tv “The Young Pope”. Ingresso 9 euro

Anche lo sport farà parte delle iniziative in programma e domenica 25 novembre allo Stadio Chersoni di Iolo alle 14,30 andrà in scena il test match – Internazionale di rugby femminile tra la nazionale italiana e quella Sudafricana.

Domenica 25 novembre alle 20,30 a Officina Giovani in programma lo spettacolo interattivo, che coinvolgerà anche il pubblico, dal titolo “La Fenice: dalle mie ceneri rinasco” a cura di Coop Alice e Centro La Nara.

Lunedì 26 novembre alle 21,15 in salone comunale le riflessioni si spostano sulla sponda maschile. Nell’incontro “Perché l’ho fatto – intervista con lui”. Il punto di vista è quello di coloro che hanno usato violenza e ucciso, grazie a una proiezione della video intervista realizzata nel carcere circondariale della Dogaia a cura di Soroptimist Prato.

Le iniziative si concluderanno giovedì 29 novembre, alle 17,30 nel teatro del Convitto Cicognini dove gli studenti di 4 classi della scuola primaria Marco Polo presenteranno uno spettacolo, frutto dei laboratori che nel corso dell’anno hanno realizzato sugli stereotipi di genere.


Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.