freelancecamp
Foto Damiano Tescaro

Sei un freelance o una freelance, una partita Iva? Allora arriva a Prato un appuntamento dedicato proprio a te. Si chiama FreelanceCamp Toscana e il 28 ottobre al Museo del Tessuto riunirà 50 freelance per un’intera giornata dedicata a formazione, auto-formazione, discussione e networking. In poche parole, arriva a Prato un evento informale concepito per far conoscere tra loro freelance, parlare di problemi comuni e perché no anche di progetti futuri e di nuove, fruttuose collaborazioni.

Il Freelance Camp Italia è nato nel 2012 per iniziativa di alcune personalità di spicco del mondo digitale italiano: Alessandra Farabegoli, Miriam Bertoli e Gianluca Diegoli. Quella ospitata al Museo del Tessuto è la prima edizione del Freelance Camp Toscana e i posti disponibili sono solo 50. Tutte le info sui biglietti sono qui.

Come funziona

“Lavorare da freelance è complicato, perché si devono riassumere in una persona tutte le funzioni di un’intera azienda – si legge nella presentazione – Questo implica conoscenze che vanno al di là del proprio settore di specializzazione, e saper gestire le implicazioni psicologiche del “cambiare continuamente cappello”.

Anche per questo motivo, il FreelanceCamp Toscana è un appuntamento in cui sono gli stessi partecipanti a decidere di cosa si parla. Acquistando il biglietto, il o la freelance ha diritto di proporre un talk (15 minuti) su un tema a piacimento che sarà poi occasione di dibattito. Un ottimo modo non solo per affrontare tanti temi comuni ai liberi professionisti ma anche per promuovere se stessi, il proprio lavoro e le proprie capacità.

Non solo digitale

Nato per mettere in contatto tra loro freelance del mondo digitale, con gli anni il FreelanceCamp ha finito per abbracciare anche altri settori e altre tipologie di lavoratori indipendenti. Nelle quattordici edizioni fin qui sostenute, al FreelanceCamp hanno infatti partecipato non solo freelance del mondo digitale e della cultura, fotografi, videomaker, ma anche imprese del Terzo Settore, Onlus e semplici cittadini impegnati in progetti di partecipazione sul territorio.

Il FreelanceCamp Toscana è organizzato da Tag, associazione pratese senza scopo di lucro nata nel 2020 che come obiettivo ha la divulgazione culturale e digitale.

Articolo PrecedenteCentro Pecci Books Festival: il programma
Prossimo Articolo“How to/You too”: la call di TAI per giovani artisti