Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Un convegno sull’evoluzione umana al Pin

Febbraio 17 @ 10:30

Per il Darwin Day, che cade il 12 febbraio, il Pin ospita sabato 17 febbraio un convegno sull’evoluzione umana organizzato dai Club Rotary Filippo Lippi, Rotary Prato e Lions Castello dell’Imperatore.

“Origini: sulle tracce dell’evoluzione umana” è l’occasione per aggiornarsi sulle ultime ricerche sull’evoluzione umana grazie alla partecipazione di alcuni esperti. Modera Lucia Livatino.

Il programma

Ore 10:00 – Introduzione e saluti delle Autorità.

Ore 10:30 – Giorgio Manzi (Ordinario di Paleoantropologia Università La Sapienza di Roma) – Nel mezzo dell’evoluzione umana e alle origini di Homo sapiens.

Ore 11:30 – Jacopo Moggi Cecchi (Associato di Paleoantropologia Università di Firenze) – Le fasi più antiche dell’evoluzione umana.

Ore 12:30 – Pausa pranzo.

Ore 15:00 Damiano Marchi (Associato di Paleoantropologia Università di Pisa) – Casi strani nell’evoluzione umana recente.

Ore 16:00 – David Caramelli (Ordinario di Antropologia molecolare Università di Firenze) – Paleogenomica ed evoluzione umana.

Ore 17:00 – Guido Chelazzi (Ordinario Emerito di Ecologia umana Università di Firenze) – Ecologia ed evoluzione umana.

Ore 18:00 Chiusura dei lavori.

Dagli studi scientifici iniziali (Linneo, Lamarck, Darwin, Wallace, e Haeckel), “lo studio dell’evoluzione umana ha fatto enormi progressi – si legge nella presentazione del convegno – grazie alla scoperta di una grande quantità di fossili e di manufatti umani preistorici, ma soprattutto grazie all’utilizzazione di tecniche allora inimmaginabili per la datazione assoluta dei reperti e per la loro analisi strutturale. A questi si sono aggiunti metodi di analisi fisica e chimica che permettono di ricostruire la dieta degli antichi umani e di ricavare informazioni sugli stili di vita e sulla mobilità. Ma è soprattutto dagli studi di genetica delle popolazioni umane e dalle analisi del DNA antico che sono venuti alcuni dei contributi più originali e rivoluzionari nello studio dell’origine, della diffusione geografica e delle antiche vicende demografiche di Homo sapiens e di altre specie umane. Uno dei dati più evidenti che derivano dalla integrazione di informazioni paleoantropologiche, genetiche e paleogenetiche, archeologiche, paleoclimatiche e paleoecologiche – spiega la nota – è che il genere Homo è emerso circa due milioni e mezzo di anni fa nell’ambito di un processo evolutivo molto complesso e articolato, che si è svolto in Africa sullo sfondo delle trasformazioni climatiche ed ecologiche che hanno interessato quel continente a partire da circa 7 milioni di anni fa”.

“Gli umani anatomicamente moderni – Homo sapiens – sono a loro volta comparsi circa 300.000 mila anni fa sempre nel continente africano e da lì si sono diffusi su tutto il pianeta – conclude la presentazione – sovrapponendosi a forme umane comparse precedentemente, con le quali hanno intessuto rapporti di competizione ma anche di integrazione genetica e probabilmente culturale”.

Gratuito

PIN

Piazza Giovanni Ciardi, 25
Prato, 59100 Italia
Piazza Giovanni Ciardi, 25
Visualizza il sito del Luogo