Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

“Si illumina la notte” in prima nazionale al Metastasio

Febbraio 20 @ 20:30 Febbraio 25 @ 16:30

Il 20 febbraio debutta in prima nazionale al Metastasio “Si illumina la notte”, uno spettacolo scritto e diretto dalla drammaturga pratese Livia Gionfrida e sviluppato intorno ad un progetto di ricerca dedicato all’opera di Franco Scaldati. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Metastasio di Prato in collaborazione con Teatro Metropopolare e con il sostegno della residenza artistica Fondazione Armunia (feriali 20.45, sabato 19.30, domenica 16.30).

“Si illumina la notte” è “un percorso di teatro civile che mira a fare della poesia resistenza, arma potente contro l’abbrutimento delle coscienze” e “un piccolo viaggio catartico che suggerisce la possibilità di un mondo nuovo oltre la distruzione”, si legge nella presentazione, ed è l’ultimo spettacolo di una trilogia dedicata a Scaldati, dopo “Pinocchio” (2020 Teatro Stabile di Catania) e “Inedito Scaldati” (2022 Teatro Biondo di Palermo).

«La parola – spiega Livia Gionfrida – è stata lentamente svuotata di significato e gli esseri umani ne hanno perso il valore. Così facendo hanno perso se stessi e rotto il patto d’amore tra gli esseri umani, ma anche con le altre creature e con il loro stesso habitat naturale che stanno distruggendo ciecamente. Il teatro oggi più che mai, nell’incontro poetico tra umani, nel recupero e nella scoperta rinnovata della parola e dei suoi poteri, può curare e dare un nuovo e più profondo senso alla nostra vita».

“L’atmosfera del lavoro è quella post-apocalittica in cui il tragico si fa continuamente comico – spiega la nota del Metastasio – in un ribaltamento continuo che diventa gioco scenico e si rivolge talvolta in modo diretto allo spettatore con chiari riferimenti al teatro popolare e al De Filippo cui lo stesso Scaldati fa riferimento nella sua traduzione de La Tempesta shakespeariana. E proprio da una terribile tempesta sembrano giungere i personaggi di questo spettacolo, sopravvissuti a chissà quale disastro climatico, morale, bellico. Sono figure sospese tra immaginazione e realtà, vita e morte, venute fuori dalle macerie di una umanità in declino, da una buia Apocalisse in cui tutte le parole sembrano scomparse e occorre ritrovarne memoria e ridefinire il senso di ogni cosa”.

€12 – €28

Teatro Metastasio

Via Benedetto Cairoli, 59
Prato, Prato 59100 Italia