7 concerti da vedere al Glue Alternative Concept Space di Firenze

Il programma del mese di aprile del Glue Alternative Space di Firenze. Un programma variegato e molto interessante.

0
Condividi
via Glue Fanpage

I concerti in programma nel mese di aprile al Glue Alternative Concept Space di Firenze (viale Manfredo Fanti, 20).

I concerti

Sabato 1 Aprile
The Cleopatras (ITA – Ammonia Rec)

“Prendete una base di buon vecchio garage-rock, un po’ di punk-rock e del power-pop bello fresco – si legge nella presentazione – Speziate con influenze surf e atmosfere pulp e servite con abbondante attitudine rock’n’roll. Ma invece della solita minestra quello che vi troverete sul piatto è un disco dal sapore diverso, tutto dedicato a tematiche di genere e in particolare all’empowerment femminile. Questo è “Cleo-Power!” e queste sono le nuove Cleopatras, che sono diventate grandi e certe cose vogliono dirle a chiare lettere: sono “sick & tired” e pronte a farvi il mazzo. Un mix irriverente e frizzante di garage 60s, punk rock e rock’n’roll, Rough&Girlie style.

 

Venerdì 7 Aprile
Verdiana Raw (ITA – Pippola Music)

“Whales know the route” (Pippola Music) è il secondo disco della cantautrice e performer Verdiana Raw ed esce a 4 anni di distanza da “Metaxy”. In questo periodo Verdiana ha studiato musicoterapia, un’esperienza che le ha permesso di acquisire una visione diversa della sua musica. Il nuovo disco beneficia, infatti, di un nuovo approccio alla scrittura dei testi e ad un uso più consapevole delle potenzialità espressive della sua voce che, adesso, è più focalizzata sulla forma canzone rispetto a prima, più carnale e concreta. Fondamentale è stato l’incontro con Paolo Favati, che, oltre a produrre l’album, ha permesso a Verdiana di far crescere le sue composizioni che, adesso, hanno assunto una forma più complessa e ricca di sfaccettature, grazie anche all contributo della violista Erika Giansanti, musicista di grande sensibilità, capace di suonare rock e classica allo stesso tempo. Il concept del disco ruota metaforicamente intorno al totem della Balena, che rappresenta la memoria millenaria del mondo, la voce delle emozioni profonde ed autentiche, l’istinto e l’ascolto del proprio suono e del proprio cuore, che Verdiana paragona alla forza femminea che sfocia nella maternità, con tutta la potenza dell’intuito della Madre. “Whales know the route”: le balene seguono rotte oceaniche senza perdersi affidandosi all’istinto dettato solo dalla loro Natura.La scelta delle canzoni non ha seguito un filo conduttore logico ma, piuttosto, sì è basata su un approccio istintuale, mettendo insieme atmosfere diverse fra loro accomunate dal desiderio di comunicare in modo semplice ma raffinato. Con questo disco Verdiana Raw prova ad uscire da mondi conosciuti per abbracciare il nuovo e la sorpresa. Lascia il bianco e nero per i colori e le sfumature. Per tutto questo ‘Whales know the route’ è un disco importante, caratterizzato dal cambiamento, un ponte, un trampolino, per aprirsi ad altri modi di cantare e di concepire la struttura musicale della canzone.

SABATO 8
Julie’s Haircut (ITA – Rocket Recordings)

“Con il loro sound eccentrico, complesso e originale,  i Julie’s Haircut hanno sempre faticato, nel loro paese natale, a trovare artisti con cui condividere una certa attitudine alla sperimentazione. Eppure – si legge nella nota – seguendo le proprie intuizioni, la band è riuscita a sviluppare una sensibilità e un approccio emozionale nei confronti dell’innovazione e della ricerca musicale di cui “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin”, settimo album e prima uscita per la britannica Rocket Recordings, è uno splendido esempio.  “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin” è un disco costruito su ripetizioni estatiche, saturo di esplosioni che collidono con paesaggi sonori ipnotici. Otto tracce piene di contrasti – prosegue la nota – in cui il fuoco abbagliante delle chitarre, del piano elettrico, dei fiati e dei sintetizzatori analogici si affianca a compostezze celesti e strutture glaciali. Un disco fortemente segnato, anche nei testi, da una vena lisergica e visionaria. Coprodotto dalla band insieme a Bruno Germano e al team della Rocket Recordings, è stato registrato in una formazione allargata che, a fianco di Nicola Caleffi, Luca Giovanardi, Andrea Rovacchi, Andrea Scarfone e Ulisse Tramalloni, vede anche il contributo della nuova arrivata Laura Agnusdei ai sassofoni e, per la prima volta in sette anni, del membro fondatore Laura Storchi alla voce nella conclusiva “Koan”.

 

Sabato 15 Aprile
Gomma (ITA – V4V-Records)

“Gomma” è l’idea nata nei primi mesi del 2016 da Matteo, Paolo, Giovanni e Ilaria. Vengono dalla provincia di Caserta – si legge nella nota introduttiva – quella da cui sarebbe meglio fuggire, che però è anche il filo conduttore che li ha fatti incontrare. Come la gomma, hanno vari modi d’uso. Quello che suonano è il loro foglio illustrativo. “Toska” è l’album d’esordio uscito il 16 gennaio 2017 per V4V-Records in collaborazione con Controcanti. “Tosca” o “Тоска” è un album in tre atti. Tre momenti diversi, tre ambienti diversi, tre penne diverse dietro ogni canzone. Bisognerebbe smetterla di fare canzoni che parlino di politica e cominciare a scrivere canzoni in modo politico”.

 

Sabato 22 Aprile
Cut + Skom

Venerdì 28 Aprile
Kill Your Boyfriend

Sabato 29 Aprile
Ropoporose

Tutte le info su tesseramento e orario qui.