Globi D’oro 2017: Tommaso Santi vince il Gran Premio della Stampa Estera

Il regista pratese Tommaso Santi vince il Gran Premio della Stampa Estera ai Globi d'Oro 2017 per il documentario "Restaurare il cielo"

0
Condividi

“Restaurare il cielo”, documentario di Tommaso Santi sul restauro della Basilica della Natività di Gerusalemme, vince il Gran Premio della Stampa Estera ai Globi D’Oro 2017.

I Globi D’oro sono i premi che la stampa estera assegna da 57 anni a questa parte ai film italiani. Stamani, 30 maggio, sono state annunciate le cinquine dei premi che verranno consegnati il prossimo 14 giugno a Villa Medici.

Contemporaneamente è stato annunciato il Globo d’Oro alla carriera a Dario Argento e il Gran Premio della Stampa Estera a “Restaurare il cielo” di Tommaso Santi.

Il riconoscimento per il regista pratese è stato dato con questa motivazione: “Talvolta le favole escono dai film, si fanno spazio nella realtà e mostrano che c’è “un mondo possibile”. Un mondo dove intesa, accordo e collaborazione fanno sì che eccellenza artigiana e tradizione italiana arrivino a restaurare un pezzo della storia comune dell’umanità. Fatti che, di per sè, sono già un piccolo miracolo”.

“Restaurare il cielo” è il racconto del restauro della Basilica della Natività di Gerusalemme portato a termine da un’azienda italiana e pratese, la Piacenti, “che ha allestito un cantiere di artigiani, che con vecchie e nuove tecnologie, intervengono su un luogo simbolo dell’umanità, in una terra che per ragioni sociali, politiche e religiose è da sempre al centro della Storia – scriveva Santi sul proprio sito – Il restauro è iniziato nel 2013, voluto dallo Stato Palestinese e dalle tre Chiese che gestiscono la Basilica della Natività: la Chiesa Cattolica, quella Greca Ortodossa e quella Armena. Il lavoro è cominciato con la sostituzione del tetto e il recupero delle capriate della chiesa, è proseguito con il recupero dei mosaici Bizantini e delle pareti interne.  Restaurare il cielo mostra come è avvenuto un restauro epocale e insieme racconta  il contesto in cui esso è inserito”.