Schermata 2013-07-12 a 13.57.25Francesco Di Fiore è pronto. L’ultima settimana prima dell’incontro che decreterà il titolo italiano di boxe categoria pesi Superwelter la trascorre dividendosi tra il banco ortofrutticolo della sua famiglia e la palestra, dove si allena quattro ore al giorno. “E‘ una sensazione stupenda quella che sto provando in questi giorni – racconta Di Fiore – non ho lasciato niente al caso nella preparazione di questo match, gli allenamenti stanno procedendo alla grande ed il mio peso è perfetto”. Settanta chili, già campione italiano nel 2010, sul braccio destro porta tatuate le date di nascita della moglie e delle sue due bambine. Dentro, la voglia di vincere anche per la sua città, dove si disputerà l’incontro, venerdì 19 luglio prossimo: “combattere a Prato è per me un vantaggio, mi dà la carica: avere tra il pubblico i miei amici che grideranno il mio nome sarà una bella emozione, e una grande spinta a fare il massimo” dice Di Fiore.

Schermata 2013-07-12 a 14.07.32
Schermata 2013-07-12 a 14.10.17L’avversario romano Riccardo Lecca è un ottimo atleta ma “non è un Adriano Nicchi – con il quale Di Fiore aveva perso l’anno scorso il titolo – quindi sono tranquillo: ci studieremo nelle prime due riprese, poi partirò. Posso reggere brillantemente fino alla decima, se ce ne sarà bisogno”. Pronto per l’evento anche Claudio Belgiorno organizzatore della serata che scherzando dice al pugile pratese “se sei in difficoltà salgo io sul ring e gli tiro un pugno: poi però scendo perché più di quello non riuscire a fare” e sulla serata del 19 commenta “non è stato facile portare quest’incontro in questa città, ma ci siamo riusciti, finanziandolo esclusivamente con sponsor privati: sarebbe stato brutto per Di Fiore e per tutti gli appassionati, se l’incontro si fosse svolto a Roma, dove in passato i giudici non sono stati molto buoni col nostro campione”. L’incontro si svolgerà allo stadio Chersoni di Iolo, campo da rugby dei Cavalieri “La location è spettacolare – commentano d’accordo Belgiorno e Di Fiore – un campo nuovo come quello di Iolo, che si presta per una sera ad uno sport diverso rispetto a quello abituale”.

Prima pugile, poi calciante. “Se vincerò il titolo, a settembre sarò nell’arena di piazza Mercatale”: su questo Di Fiore non ha dubbi, entusiasta della squadra della Palla Grossa di cui fa parte, i Rossi, che nell’ultimo anno hanno raddoppiato il numero di calcianti, arrivando fino ad 80 presenze. “I ragazzi della Palla Grossa sono i miei primi sostenitori – commenta il pugile – rispetto all’anno scorso abbiamo avuto questo boom di presenze e ne sono felice: è uno sport che tira fuori la grinta il carattere, come il pugilato. A settembre quindi, molto probabilmente, sarò a giocare con loro”.
I biglietti per l’incontro di settimana prossima sono disponibili presso la tabaccheria Bigi, in via Bologna, oppure online su boxol.it.

di

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.