Niccolò Fabi “Ecco” – Miglior disco dell’anno
Nella sezione “Album in assoluto dell’anno” la vittoria è andata a Niccolò Fabi con Ecco, seguito dai Baustelle con Fantasma e da Francesco De Gregori con Sulla strada. Più distaccati sono arrivati Francesco Guccini con L’ultima Thule e Alessandro Fiori con Questo dolce museo, quindi Alessio Lega con Mala Testa.

Cesare Basile “Cesare Basile” – Miglior Album in dialetto

Tra gli “Album in dialetto” è stato un trionfo quello dell’album omonimo di Cesare Basile, con molti voti di vantaggio su Giulia Daici con Tal cil des acuilis e sul Collettivo Dedalus con Ammâšcâ. Con ulteriore distacco si sono classificati nell’ordine: il Canzoniere Grecanico-Salentino con Pizzica indiavolata, Tonino Zurlo con L’ulivo che canta e i Gatti Mézzi con Vestiti leggeri.

Appino “Il Testamento” – Miglior opera prima

La sezione “Opera prima” ha visto prevalere Appino per Il testamento, con un buon vantaggio su Emanuele Belloni con E sei arrivata tu, Lorenzo Monguzzi con Portavèrta e Cosmo con Disordine. A distanza Marrone Quando Fugge con Il pre-fagiolismo.

Mauro Ermanno Giovanardi “Maledetto colui che è solo” – Migliore interpretazione

Nell’unica sezione riservata agli interpreti di canzoni non proprie, ad affermarsi con ampio margine sono stati Mauro Ermanno Giovanardi & Sinfonico Honolulu con Maledetto colui che è solo. Secondo posto per Gerardo Balestrieri con Quizás, terzo per Andrea Tarquini con Reds! Canzoni di Stefano Rosso. Poi Patrizia Cirulli con Qualcosa che vale e Zibba e Almalibre con E sottolineo se.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.