Un guida turistica di Prato vecchia di 50 anni. E’ la seconda edizione di “Guida di Prato” a cura di Giuseppe Marchini (a cura dell’azienda autonoma di turismo di Prato, edizioni Arnaud Firenze) , che proprio nel 1964 riprese, ampliandola, la prima edizione datata 1955 specificando che, comunque, la prima bozza di guida di Prato è datata 1595 e portava la firma del Cavalier Miniati.

Com’era Prato nel 1964? Non molto diversa da quella del 2014, almeno dal punto di vista di un turista.  Se però i monumenti e le opere d’arte rimangono sempre gli stessi, la cosa interessante è il racconto implicito della città che si deduce dalla guida turistica di Marchini: qualche accenno alla demografia, l’elenco veloce delle caratteristiche dell’economia pratese e poi quelli più corposi  e dettagliati dei suoi ristoranti, dei suoi cinema, dei suoi alberghi e così via. Un racconto per elenchi e citazioni che per chi c’era, nel 1964 a Prato, sarà un bel tuffo nel passato. Per tutti gli altri invece sarà una fotografia, quella della propria città, nel momento in cui si apprestava a diventare una grande città.

Itinerario

La visita più affrettata” si legge sulla guida, può limitarsi alla Cattedrale, al Palazzo Pretorio, in cui ha sede la Galleria Comunale, al Castello dell’Imperatore e alla chiesa di Santa Maria delle Carceri, la Palazzo Datini (sede dell’archivio di Stato) e alle chiese di San Francesco e di San Domenico.
antica_veduta_prato

Generalità

Seguita da un’ampia descrizione della storia di Prato, la sezione delle “Generalità” racconta in sintesi cos’era Prato nel 1964. Riassumendo: nel Dopoguerra, l’incremento urbanistico e demografico porta Prato al quarto posto tra le città più popolate del centro Italia, dopo Roma, Firenze e Livorno. “Gli abitanti dell’intero Comune sono 121.537 (marzo 1964), ci cui circa 80mila nel solo centro urbano, gli altri suddivisi fra 16 centri sussidiari e 47 nuclei abitati minori”.

E ancora.”I quattro quartieri storici (Inghirami, Giuntalodi, Cicognini, Datini) contano circa 12mila abitanti entro l’esagono fortificato (che costituì l’intera città fino al secondo decennio del secolo e mantiene la consistenza demografica di allora) e oltre 35mila nella loro zona di ampliamento. Una cintura più esterna di nove rioni, antiche borgate in pieno sviluppo e trasformazione supera i 30mila abitanti”. Sono San Martino-Coiano, Ponzano-Mezzana, Grignano, San Paolo-Borgonuovo, Chiesanuova, La Macine, S.Lucia, Narnali, Cafaggio.

Per quanto riguarda l’economia, racconta la guida, “l’industria tessile pratese, che occupa oltre 40mila” persone “e concorre per il 75% all’intera esportazione laniera italiana, produce una gamma estesissima di stoffe”. E poi manifatture di tappeti e le confezioni in serie di indumenti, industrie metalmeccaniche, chimiche, alimentari, del legno, dei refrattari. Anche l’artigianato artistico, “che ha antiche tradizioni, produce intagli e lavori d’ebanisteria, metalli battuti e sbalzati, stoffe e tappeti d’arte tessuti a mano, ceramiche, smalti, ricami.

Tra i luoghi da visitare consigliati fuori Prato, la “Guida di Prato” indica Figline, Montemurlo, Carmignano, Artimino, Calenzano, Vaiano, Usella e Vernio.

Notizie Utili

accessi_prato_64E’ la sezione più interessante, perché non è altro che un lungo elenco di indirizzi utili, dai ristoranti ai cinema passando per le banche e servizi vari. Utili, appunto, al turista che fosse arrivato a Prato. E’ in questa sezione che ora, nel 2014, si ha per la prima volta l’impressione di trovarsi davanti  davvero una città profondamente cambiata, come accade a qualsiasi luogo in un periodo lungo cinquant’anni.

 

Autoservizi di linea e gran turismo: Cap, Lazzi, S.A.C.A., V.E.T.A.
Autolinee urbane: Castelnuovo (linea 1), La Castellina (linea 1), Tavola-Ponte a Tigliano (linee 2-3), Iolo (linee 2-3), Cafaggio (linee 1-2-3-10), Mezzana (linea 4), La Querce (linea 5), Santa Lucia (linea 6), Narnali – Viaccia (linee 6-12), Casale (linea 7), Figline (linea 7), Villa Fiorita (linee 7-12), S.Maria e San Giorgio a Colonica (linea 10), Galceti (linea 12), S.Ippolito dii Galciana (linea 12).
Circolare destra: linea 8 (Duomo, Borgo Valsugana, Stazione centrale, Duomo, via Zarini, viale Montegrappa, stazione centrale, Duomo).
Circolare sinistra: linea 9 (Duomo, Stazione centrale, viale Montegrappa, via Zarini, Duomo, stazione centrale, Borgo Valsugana, Duomo).

Alberghi
Hotel Flora (cat.II, via Cairoli), Hotel Milano (cat.II, via Tiziano), Albergo Centrale (cat III, via Magnolfi), Albergo Giardino (cat.III, via Magnolfi), Albergo San Marco (cat.III, via Mazzini), Albergo La Toscana (cat.IV, piazza Ciardi), Locanda Paris (via Firenze).

Ristoranti e Trattorie
Baghino (via dell’Accademia), da Francesco (via Cambioni), da Riccardo (via Bologna), Giotto (via Verdi), Il Capriolo (via Roma), Il Fagiano (via Santa Trinita), I Negozianti (via dell’Accademia), Livio (via Guasti). Bartolini (Da Lapo, Piazza Mercatale), Bruno (via Verdi), Casini (via Firenze), Corrado (via Pistoiese), da Bruno (piazza Stazione), Franceschini (via S.Antonio), Ginino (via Rinaldesca), Meoni (da Tonio, Piazza Mercatale), Morini (via Guasti), Pelagatti (il Cantaccio, via Verdi), Rita (via Carradori), San Paolo (via S.Paolo), Sibilio (via Fra Bartolomeo), Silvio (via Ser Lapo Mazzei).

Stampa
Archivio Storico Pratese (via Dante), Giornale del Mattino (piazza Duomo), La Nazione (piazza Duomo), Notizie Nostre (via Ricasoli), Prato – storia e arte (via dell’Accademia).

Cinema
Politeama Pratese, Eden (via Cairoli), Sala Garibaldi (via Garibaldi), Centrale (corso Mazzoni), Corsocinema (Corso Mazzoni), Ariston (via Montalese), Astra (via Traversari), Borsi (via San Fabiano), La Perla (via Ferrucci), Modernissimo (via Nebbiaia, Tavola), Moderno (via Gherardacci, Iolo), Mokambo (via Limberti), San Bartolomeo (via del Carmine), Terrazza Paradiso (via Bologna), Vittoria (via Maiani).

mappa_guida_1964

Hai qualcosa da aggiungere all’articolo? Lascia un commento qui sotto!

15 Commenti

  1. Woman of Alien

    Best work you’ve got completed, this website is really awesome with amazing information. Time is God’s means of maintaining every little thing from happening simultaneously.

  2. Woman of Alien

    Best do the job you’ve done, this website is actually interesting with excellent information and facts. Time is God’s method of keeping all the things from taking place at once.

  3. The Absent Game

    Involving me and my husband we have owned additional MP3 gamers over time than I can count, like Sansas, iRivers, iPods (common & touch), the Ibiza Rhapsody, etc. But, the last few many years I’ve settled down to one line of players.

  4. The Birch of the Shadow

    I feel there could be considered a couple of duplicates, but an exceedingly useful listing! I’ve tweeted this. Quite a few thanks for sharing!

  5. Woman of Alien

    Fantastic do the job you have got completed, this web site is really interesting with amazing data. Time is God’s way of maintaining all the things from going on directly.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.