Un vero processo: è “Please, Continue (Hamlet)” di Yan Duyvendank e Roger Bernat, andato in scena ieri al Fabbricone per Contemporanea 2014. L’accusato? l’Amleto shakespeariano.
Si è dibattuto un reale caso di omicidio, giudicato da veri avvocati, procuratori e giudici pratesi (giudici Jacqueline Magi e Franco Borselli, pubblico ministero Mauro Cini, avvocato difensore Manuele Ciappi, consulente di ufficio psichiatra Marina Zazo, cancelliere Alessandro Scuffi).

Anche gli spettatore sono stati partecipi, andando a ricoprire il ruolo di una giuria popolare. In scena Francesca Mazza è Gertrude, Francesca Cuttica è Ofelia e Benno Steinegger Amleto. Al termine Amleto è stato condannato a 7 anni con tutte le pene accessorie e i risarcimenti all’ex fidanzata Ofelia, figlia di Polonio.

Un commento

  1. The Ships’s Voyages

    I think know-how just causes it to be worse. Now there is a channel to under no circumstances treatment, now there won’t be considered a opportunity for them to discover.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.