L’idea è venuta a Enrico Fogacci, titolare dell’omonimo panificio: presto il carcere di Prato La Dogaia avrà un forno per insegnare ai detenuti l’arte di fare il pane (ma anche la pizza e la schiacciata). Servivano dei soldi per comprarlo: e allora il fornaio pratese ha raggruppato 26 aziende di cui 16 forni, 3 pasticcerie, 3 associazioni (Granprato, Confartigianato e Barnaba) e 1 negozio. Tutti hanno donato 100 euro: adesso mancano soltanto 500 euro per acquistare lo strumento di cottura, usato ma solo poche volte, il cui costo ammonta a circa 3.000 euro.

“Iniziando ad assistere agli spettacoli teatrali messi in scena da alcuni detenuti con l’aiuto dei volontari che li seguono in quest’attività ho imparato a conoscere la realtà del carcere e a capire quanto sia importante non lasciare sole queste persone – racconta Fogacci a Il Tirreno di Prato – da qui l’idea di destinare un forno per le attività a favore degli ospiti della Dogaia, con l’intento di creare un ponte tra la società civile e la realtà carceraria coinvolgendo, in questo progetto, non solo i miei colleghi, ma anche le aziende agricole del territorio e le pasticcerie, attraverso una sottoscrizione”.

La lavorazione della pasta per la produzione di pane e prodotti da forno si è inserita tra le attività della Dogaia da circa due anni, durante i quali sono stati organizzati 4 corsi che hanno coinvolti circa 60 detenuti: grazie all’acquisto del forno l’attività sarà fortemente ampliata e si vedrà l’inserimento della pizza anche all’interno del menù del carcere.

L’iniziativa è stata accolta a braccia aperte dalla casa circondariale. Sempre al Tirreno, commenta Vincanzo Tedeschi, direttore de La Dogaia: “Il recupero e il reinserimento dei detenuti nella società civile, come prevede la Costituzione, si fa cercando di aiutare queste persone ad acquisire competenze spendibili sul territorio, ecco perché questo gesto è un’iniziativa lodevole. Non dimentichiamoci che il carcere non è un luogo avulso dal contesto, ma una realtà che insiste sul territorio”.

Tra le iniziative in mente dell’organizzazione  anche quella di aprire un caramellificio all’interno della casa circondariale.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.