Cinque conferenze scandiranno il mese di novembre a Palazzo Pretorio, il museo civico che ospita la mostra “Synchronicity – Da Lippi a Warhol”.

Raccolti sotto l’unico tema “Synchronicity. Dialoghi sull’arte, il tempo, il museo“,  gli appuntamenti coinvolgeranno esperti e collezionisti d’arte chiamati ad esprimersi sulla sincronicità dell’arte contemporanea e saranno a ingresso libero (inizio previsto sempre alle 16). “Ai partecipanti – si legge nella nota stampa – verrà consegnato un voucher per un ingresso ridotto al Museo e alla mostra (6 euro) o per partecipare a una visita guidata gratuita nei giorni di sabato e domenica, alle 17 (fino a esaurimento posti)”.

Sabato 31 ottobre – Lucia Mannini
“Il Novecento alla ribalta! Strizzando l’occhio alla tradizione” con Lucia Mannini, co-curatrice della mostra “Toscana ‘900. Da Rosai a Burri. Percorsi inediti tra le collezioni fiorentine” a Villa Bardini. Un’occasione per gettare lo sguardo fuori dai confini, lungo la storia del ‘900, creando un collegamento con le altre mostre attualmente in corso a Firenze. Partecipano pure gli assessori Simone Mangani e Valerio Barberis, che presenteranno il progetto legato al Pretorio inserito nell’art bonus.

Sabato 7 novembre – Giuliano Gori
Il titolo della conferenza è “Da piazza San Marco a Palazzo Pretorio: un percorso di oltre 40 anni”. Giuliano Gori è il collezionista d’arte della Fattoria di Celle.

Sabato 14 novembre – Alessandro Vezzosi
Il diretto del Museo Ideale “Leonardo Da Vinci” terrà una conferenza sul tema “Rinascimento e avanguardie: da Leonardo a Beuys”.

Sabato 21 novembre – Sergio Risaliti
Sergio Risaliti terrà una conferenza intitolata “Da Moore a Koons, da Michelangelo a Gormley” .

Sabato 28 novembre – Diana Toccafondi
A chiudere il ciclo di conferenze sarà Diana Toccafondi, soprintendente archivistica per la Toscana, con l’incontro dal titolo “Sincronicità e anacronismo. Verso l’esplosione del tempo storico?”.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.