Diminuire l’impatto ambientale, educare al consumo critico e incentivare il riuso: è la mission di “Fuori dalle scatole”, una nuova attività che inaugurerà il prossimo sabato 2 aprile in via Ferrucci 95. L’iniziativa è stata messa in piedi da Margherita Altoffi, torinese e pratese d’adozione che, ci tiene a specificarlo, prima di essere una neo imprenditrice è una consumatrice: “da dieci anni faccio parte di un gruppo d’acquisto solidale – afferma – dove ho potuto sviluppare una sensibilità per tutto quello che riguarda il consumo consapevole, non solo in campo alimentare. Oggi il tema è d’attualità, le persone stanno sempre più attente a cosa mangiano, che sia di stagione, a filiera corta, prodotto con etica, ma ce ne sono ancora tante da conquistare: ‘Fuori dalle scatole’ vorrà essere questo. Un negozio dove poter acquistare cibi sfusi, ma anche detersivi e cosmetici naturali e tanto altro ancora”.

margherita“Fuori dalle scatole” si inserisce in un quartiere che sembra essere sempre più “votato” al consumo critico: il negozio andrà a formare un quadrato insieme a “Fresco in città” di via Boni, Effecorta in viale Montegrappa e al nuovo punto vendita di NaturaSì in via Valentini. “Vogliamo differenziarci dalle attività in zona, anche solo per non farsi concorrenza tra piccoli esercizi – racconta Margherita -. Qui si potranno acquistare vari tipi di farine, legumi, frutta disidratata e secca, frutta e verdura di stagione, olio e vino, ma non solo”.
Non essendo prodotti confezionati, il cliente potrà acquistare la quantità che gli è più congeniale, evitando così sprechi: “ci saranno anche una serie di prodotti piemontesi che ho scoperto negli anni da far provare ai clienti”.
Come già detto, Fuori dalle scatole non venderà soltanto prodotti alimentari: “ci saranno detersivi, cosmetici naturali, prodotti per la casa e idee regalo realizzati da cooperative del territorio, ma anche le scarpe ecologiche prodotte dalla cooperativa ‘Ragioniamo coi piedi’ di Padova”.

Il negozio è distribuito su settanta metri quadrati ed è arredato con tutti materiali o mobili “che hanno già avuto un’altra vita”, come piace commentare alla proprietaria, trovati grazie all’aiuto dell’associazione Recuperiamoci. Non solo: lo spazio è stato pensato in maniera polifunzionale. I vari scaffali su cui il giorno sono appoggiati dispenser e sacchi, diventeranno all’occasione delle sedute per eventi: “abbiamo in mente di organizzare incontri sui temi cari al nostro negozio, ma anche degustazioni con i vari ristoranti vegetariani di Prato”. Fuori dalle scatole è anche un blog: “lì raccontiamo la nostra avventura, le aziende e le associazioni che gravitano attorno alla nostra bottega. Il nostro nome vuole essere provocatorio: da una parte vogliamo dare una sveglia alle persone per quanto riguarda l’eticità del vivere, dall’altra vogliamo essere un contenitore di idee”.

ARTICOLO SPONSORIZZATO BUONO

Un commento

  1. O se il Fresco di via Boni e’ da giorni che e’ chiuso????? Altro che quadrato…….ANNA 4EVER…

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.