La Corte delle Sculture - Foto archivio

Come ogni anno torna mercoledì 12 luglio “Prato in Rosa”, una serie di iniziative con protagoniste le donne nella musica, nell’arte, nel cinema e nello sport.

Giovedì 12 luglio, dal tardo pomeriggio in centro storico, appuntamenti con mostre, spettacoli e percorsi musicali a tappe per tutta la sera. Ingresso gratuito.

La manifestazione è promossa dall’assessorato alle Pari opportunità, con un percorso condiviso con l’assessorato alle Politiche economiche, alla Cultura e in collaborazione con il Tavolo Operativo per promuovere la parità tra le donne e gli uomini nella vita locale.

Per le donne, ingresso gratuito anche al Museo del Tessuto (dalle 17 alle 21) e al Museo di Palazzo Pretorio (dalle 18 alle 21).

Il programma

Ore 19 – Inizio evento in Piazza del Comune

Ore 19 – Piazza del Comune
“Tutte le donne sono state bambine – Racconti di vite straordinarie”. A cura Associazione C.U.T. Circuito Urbano Temporaneo. Laboratorio creativo per conoscere la vita di donne artiste, scienziate, astronaute, sportive: esempi di coraggio, determinazione e libertà. Installazione: creazione di ritratti multi materici di donne straordinarie. Il percorso prevede il coinvolgimento diretto del pubblico.

Ore 19,15 – Spazio Palazzo Buonamici in Via Ricasoli
Inaugurazione mostra “Arte: sostantivo femminile”, a cura Associazione Laboratorio dell’Affresco di Vainella. Espongono giovani artiste pratesi e ci sarà una breve presentazione di Rossella Foggi su “Arte e letteratura viste con gli occhi e le opere di donne artiste e scrittrici. Viaggio intimo nella storia di donne famose attraverso l’analisi delle loro opere”.

Ore 19,30 – Spazio Valentini in via Ricasoli
Inaugurazione mostra “Piccolo tour di Prato al femminile” – taccuino di viaggio, a cura di Associazione Arcantarte. Saranno presentati i materiali gli schizzi elaborati dalle partecipanti al tour che inizia fin dalla mattina con la visita a Palazzo Datini, alla Chiesa di Santa Reparata ed al Castello dell’Imperatore accompagnate da letture teatralizzate per richiamare le figure di Margherita Datini, Lucrezia Buti e Costanza D’Altavilla. Durante la sosta nei luoghi potranno essere scritte riflessioni, fatti schizzi e disegni che saranno messi in esposizione durante la mostra.

Ore 20,30 – Cassero Medievale in Viale Piave
Inaugurazione mostra fotografica “Donne e lavoro nella Prato del ‘900”, a cura Associazione culturale Fare arte. La mostra ripercorre le tappe del lavoro delle donne dentro i luoghi dell’archeologia industriale nel contesto storico/economico pratese del Novecento.

Ore 21 – Giardino Buonamici
Inizio del percorso musicale a tappe “A Woman’s life – le vite di una donna”, a cura di Associazione Corale Euphonius. Percorso di musica polifonica in 5 tappe – Giardino Buonamici, via Cesare Guasti, Via Muzzi, Via Magnolfi, Piazza del Comune – con un repertorio che va dalla musica rinascimentale, popolare, pop e leggera arrangiata per coro con brani che mirano a descrivere la crescita femminile nelle sue diverse età, con un repertorio che va dalle ninna nanne e le filastrocche per passare a musica che accompagna la giovinezza, la maturità e la vecchiaia per raccontare la storia di una vita femminile attraverso le note dei maggiori compositori del rinascimento e arrangiamenti corali di pezzi pop di successo.

Ore 21 – Giardino Buonamici
Esposizione manufatti “Trine e Merletti”, a cura di Associazione MOICA (Movimento Italiano Casalinghe)

Ore 21,30 – Giardino Buonamici
Incontro “Donne nell’ombra”, a cura di Associazione Laboratorio dell’Affresco di Vainella. Si ripercorre la storia di donne del passato, spesso rimaste nell’ombra, che hanno contribuito alla vita e alle attività di uomini famosi. Nel corso dell’evento sarà realizzato un percorso culinario (show cooking) con la preparazione di pietanze collegate con il tema e con i luoghi della narrazione.

Alle 21,30 – Corte delle Sculture
Criucc’” – Il racconto dei treni della felicità”. Criucc’ è lo spettacolo teatrale che racconta con ironia la vicenda dei treni della felicità, una pagina dell’Italia nel secondo dopoguerra. Protagoniste le donne della nascente UDI (Unione Donne Italiane) e centomila fanciulli che trovarono una possibilità di vita grazie alla solidarietà che si innescò in una Italia resiliente. Un’esperienza umana, un incontro, un viaggio per riconoscersi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.