Gustav Klimt ed Egon Schiele morirono entrambi a Vienna nel 1918, a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro. Schiele, che di Klimt era stato allievo e protetto, era giovanissimo: a soli 28 anni l’influenza spagnola, che uccise 20 milioni di persone nel mondo, lo raggiunse e non gli lasciò scampo.

A un secolo di distanza, le opere di questi artisti visionari – tra Jugendstil ed espressionismo – sono ammirate nei musei in tutto il mondo, ma sono anche immagini pop che accompagnano la nostra vita quotidiana su poster, cartoline e calendari.

Nasce da qui, prendendo spunto da alcune delle numerose mostre organizzate in occasione del centenario, il film scritto da Arianna Marelli e diretto da Michele Mally, Klimt & Schiele. Eros e Psiche, prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo e con la partecipazione straordinaria diLorenzo Richelmy.

La pellicola sarà proiettata al cinema del centro Pecci il 23 (ore 18,30) e 24 ottobre (18,30 e 21,15).

 “A ogni epoca la sua arte, all’arte la sua libertà”. È il motto che campeggia a lettere d’oro sull’ingresso del palazzo della Secessione e inaugura un tempo nuovo. Proprio quest’epoca rivive in Klimt & Schiele – Eros e Pische, raccontata dalla voce dell’attore Lorenzo Richelmy: una città negli anni in cui per le strade o nei caffè si potevano incontrare Hugo von Hofmannsthal, il giovane Ludwig Wittgenstein, i futuri registi Fritz Lang e Erich von Stroheim, a teatro andavano in scena i drammi di Arthur Schnitzler e all’opera si assisteva alla prima de “La vedova allegra” come alla Salomè di Richard Strauss.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.