Il Garibaldi

Il programma del Garibaldi, la nuova sala eventi che ha preso il posto dell’ex cinema Excelsior, non è ancora completo ma presenta già una chiara linea di approfondimento intorno ai documentari e al teatro, soprattutto stand up comedy. Non mancano i concerti, ma almeno per il momento si tratta di concerti in cui è molto forte la componente visuale.

L’apertura della nuova sala sarà però tutta pratese, con la proiezione del docu-film che Walter Veltroni ha dedicato alla vita di Paolo Rossi.

Il programma

Venerdì 18 Novembre – ore 21.30 (cinema) – in replica Lunedì 21 ore 18, Lunedì 24 ore 18, Mercoledì 24 ore 18.30
È stato tutto bello, storia di Paolino e Pablito
di Walter Veltroni con Antonio Cabrini e Marco Tardelli (Italia 2022, 107’). Prodotto da Palomar Production, in collaborazione con Vision Distribution e Sky. Attraverso filmati privati, interviste a chi lo ha conosciuto nella sua intimità, il repertorio delle sue prove più straordinarie e testimonianze dei suoi momenti più difficili, il docu-film ripercorre la storia di Paolo Rossi (insieme Paolino e Pablito) che è sempre stata dolore, gioia, sacrificio, trionfo.

Lunedì 21 – Ore 16.15 e 20.30 (cinema)
Ritratto di Regina
di Fabrizio Ferri (Italia 2022, 90’). Il documentario-evento ha come protagonista non solo il regno di Elisabetta II ma anche l’eccezionale tributo con cui la fotografia ha omaggiato la Regina creando un album lungo settant’anni, unico al mondo.

Martedì 22 Novembre – ore 18.30 (incontri)
Prato com’era – Storie, immagini e protagonisti del nostro secolo d’oro.
Presentazione del secondo volume edito da La Nazione. A cura di Roberto Baldi con le fotografie dell’Archivio Ranfagni. Un’iniziativa del quotidiano La Nazione dedicata ai lettori: in abbinamento gratuito con il quotidiano La Nazione edizione di Prato due volumi da 80 pagine ciascuno che raccontano la storia di Prato nel periodo che va dal Dopoguerra ai giorni nostri e prendono in considerazione realtà e personaggi che hanno caratterizzato una città oggi scomparsa perché trasformata dallo scorrere del tempo, ma che apparterrà per sempre ai nostri ricordi e al nostro patrimonio sentimentale.

Mercoledì 23 – ore 16.45 e 21.00 (cinema)
Ritratto di Regina
di Fabrizio Ferri (Italia 2022, 90’)
ore 18.30 (cinema) – È stato tutto bello, storia di Paolino e Pablito

Venerdì 25 novembre – ore 20.30
La Dolce Vita 
di Federico Fellini (Italia 1960, 180’)

Lunedì 5 Dicembre – ore 10.30 (spettacolo per le scuole)
Peer Gynt – Progetto speciale della Camerata Strumentale Città di Prato
Un dramma teatrale scritto da Henrik Ibsen e riadattato per l’occasione da Andrea Bruni con le musiche di Edvard Grieg. Gli attori Andrea Bruni e Alessia De Rosa condurranno i giovani spettatori in terre lontane, tra miti e leggende scandinave, offrendo una riflessione sulla ricerca di sé e sulla propria crescita personale, fatta di difficoltà ma anche di avventure incredibili. I brani tratti dalla suite op 46 di Grieg saranno eseguiti dal Quintetto di Fiati dell’Orchestra la Filharmonie. Questo spettacolo rientra all’interno di un ampio progetto didattico dedicato alle scuole e propedeutico al concerto sinfonico-corale Peer Gynt che si terrà il 15 dicembre al Teatro Politeama, all’interno della stagione concertistica della Camerata strumentale 2022-23

Martedì 6 dicembre – ore 21.30 (concerto)
Tre allegri ragazzi morti – Pasolini, concerto disegnato
Nel concerto, il corpo del poeta friulano, la sua voce, i suoi pensieri scandalosi muovono i pennelli di Davide Toffolo che, sulla musica dei Tre allegri ragazzi morti, disegna dal vivo la biografia di Pier Paolo Pasolini. Un modo unico di incontrare Pasolini nel centenario della sua nascita e i Tre allegri ragazzi morti al loro ritorno sui palchi indoor. Uno degli autori più significativi e controversi del ‘900 raccontato attraverso uno spettacolo sui generis che mescola disegno e musica, unendo le due anime fondamentali che hanno dato vita al gruppo mascherato più transgenerazionale e amato d’Italia, che da oltre 25 anni continua ad animare la musica indipendente. Davide Toffolo, accompagnato da un emozionante ambiente sonoro live e dalle parole pronunciate dalla voce di Pier Paolo Pasolini, disegna dal vivo con pennelli e colori proiettati su schermo. La musica nasce dai temi delle canzoni dei TARM e viene spinta in loop psichedelici mentre le registrazioni audio della vera voce di Pasolini e alcune immagini tratte dalle sue migliori opere irrompono nel tappeto sonoro.

Martedì 17/18 dicembre – ore 11/20 (mercato)
Wom – A Wonderful Market
In occasione degli ultimi preparativi per le festività natalizie, lo storico mercato vintage e handmade fa un’esclusiva tappa a Prato. Non un semplice mercato, ma un appuntamento per chi è in cerca di meraviglia. Vintage come gli oggetti che raccontano una storia, handmade come qualcosa che prende forma dall’immaginazione e si sviluppa alla ricerca della perfezione! Handmade sostenibile, vintage, design, illustrazioni e vinili, ma anche attività ludiche e ricreative, oltre a musica live e intrattenimento.

Lunedì 19 Dicembre – ore 21 (concerto)
Remo Anzovino – The Cameraman di Buster Keaton
Inizia un percorso di sonorizzazione del cinema muto da parte di Remo Anzovino che già dagli anni Duemila è protagonista di progetti al confine tra musica e cinema, passato e presente e che si svilupperà nei primi mesi di apertura del Garibaldi di Prato. Pianista tra i più creativi della scena strumentale contemporanea, Remo Anzovino musicherà dal vivo il film “Il Cameraman”, capolavoro di Edward Sedgwick e Buster Keaton datato 1928. Si riderà a crepapelle e verranno gli occhi lucidi con un capolavoro senza tempo, con il mito di Buster Keaton e la musica straordinaria composta da Remo Anzovino, che con lui dialoga a tu per tu, pianoforte contro schermo, in un evento live unico e irripetibile. Il cameraman (The Cameraman) è un film del 1928 diretto da Edward Sedgwick e, non accreditato, Buster Keaton, che interpreta anche il protagonista. Primo film di Keaton distribuito dalla Metro Goldwyn Mayer. Considerato uno dei grandi capolavori di Keaton.

Domenica 15 Gennaio – ore 21 (spettacolo)
I migliori danni della nostra vita
Il nuovo spettacolo di Marco Travaglio. Marco Travaglio racconta, nel consueto stile satirico, gli ultimi 5 anni di storia italiana: ovvero come i poteri marci della politica, della finanza e dell’informazione hanno ribaltato il voto degli italiani, dal cambiamento alla restaurazione, dalla questione morale e sociale all’Ancien Régime e alla guerra infinita. E come possiamo difenderci da questi golpisti 2.0, sorridendo di più e informandoci meglio.

Giovedì 26 Gennaio – ore 21 (Chiesino Comedy Club)
Giorgio Montanini
Stand-up comedian, autore e attore. Nel 2008 è entrato a far parte del gruppo Satiriasi, il primo esperimento italiano di Stand Up Comedy. Ha registrato sold out nei più grandi e prestigiosi teatri italiani con Nemico pubblico, Liberaci dal bene, Per quello che vale, Eloqui di un perdente e molti altri.

Data da definire Febbraio 2023 – ore 21 (spettacolo)
Felicità for Dummies (felicità per negati)
di e con Roberto Mercadini. Questo monologo usa la metafora dell’albero e ha la forma di un albero. Il tronco è una definizione originale ma assai salda di felicità, un significato della parola radicato nell’etimo: felice viene da felix, termine che in latino indicava, per esempio, un albero molto fruttuoso. Da tale ceppo massiccio si diramano quattro discorsi: sul dare frutto, sulla forma perfetta, sull’innalzare rami e l’affondare radici, sul contattare altri alberi. Ogni discorso si biforca a sua volta in due storie. Così incontriamo un matematico, un artista, un atleta, un oratore, un giardiniere, un astronomo, un genio, un poeta. Una narrazione commossa e comica. E, allo stesso tempo, un’impetuosa orazione sul senso del vivere.

Giovedì 23 Febbraio – ore 21 (Chiesino Comedy Club)
Eleazaro Rossi
Volto della stand up comedy italiana, Eleazaro Rossi è diventato noto grazie ai suoi monologhi irriverenti pronunciati prima sul web e poi sul palco. Da Comedy Centrale a YouTube passando per Le Iene.

Giovedì 30 Marzo – ore 21 (Chiesino Comedy Club)
Daniele Fabbri
StandUp Comedian satirico da prima che fosse mainstream. Inizia come cabarettista nel 2003, nel 2005 il suo primo spettacolo comico Tra il dire e il dire. Comico poliedrico, i suoi spettacoli sono un mix di battute raffinate ed espressività giullaresca. Satira dove c’è bisogno, anche fare il pagliaccio va bene.

Articolo PrecedenteIl Garibaldi: una grande sala eventi in centro storico
Prossimo Articolo“Piove” è in sala nei cinema di Prato