eleonora danco

Dopo Davide Enia e il suo “Italia – Brasile 3 a 2”, per il progetto A Singolar Tenzone, dedicato ai monologhi che hanno fatto la storia della drammaturgia italiana, arriva per la prima volta a Prato Eleonora Danco con “Me vojo sarvà” e “Nessuno ci guarda”. I biglietti si possono acquistare qui.

Da giovedì 17 a domenica 20 novembre Eleonora Danco presenta due monologhi “che descrivono i movimenti fisici ed emotivi di figure inchiodate ai margini della loro esistenza – si legge nella presentazione – Il primo, Me vojo sarva’, è un atto unico che, con l’uso del dialetto romano e dei personaggi inconsapevoli, carpisce quello che si muove dentro l’anima e le strade della periferia, abitate da conflitti adolescenziali e dinamiche oniriche.  Nessuno ci guarda, ispirato ad Otto e mezzo di Federico Fellini, e alle opere di Jackson Pollock, tratteggia, tramite flashback costanti, l’invadenza dell’infanzia nella vita di una persona adulta che non riesce più ad uscire di casa poiché sospesa tra il sogno e il ricordo”.

Eleonora Danco ha recitato per Moretti, Bellocchio, Luchetti, Scola, Placido, Muccino, Avati, Gassman e Proietti. Come regista cinematografica, invece, ha esordito nel 2014, con N-Capace, opera prima, vincitrice del premio speciale della giuria al Torino Film Festival. Ma soprattutto, come autrice, ha messo in scena numerosi testi, commissionati dai teatri stabili di Parma, Roma e Napoli, da Expo 2015 e dalla Triennale di Milano.

“I suoi spettacoli, influenzati dalla pittura e dai tempi travolgenti della vita vera, sono accomunati dall’unicità di rispecchiare il mondo e le anime in pena che lo popolano – si legge nella presentazione – Tra la poesia e lo slang, il dramma e la comicità, i suoi scritti corsari, pubblicati nel 2009 in Ero purissima da Minimum Fax e nel 2022 da Giulio Perrone in Tempi Morti, immortalano stati d’animo universali che folgorano la critica e il pubblico, da due decenni e mezzo”.

ME VOJO SARVA’ / NESSUNO CI GUARDA

di Eleonora Danco
musiche scelte da Marco Tecce
costumi Marisa Di Mario
disegno luci e regia Eleonora Danco
produzione Teatro Metastasio di Prato

Articolo PrecedenteTre incontri per studenti e insegnanti sulla cultura della parità
Prossimo ArticoloDaniel Pennac in scena al Funaro di Pistoia